Brevi di cronaca

0
746
Novi Ligure: aggredisce i Carabinieri. Arrestato

Nella serata di ieri i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Novi Ligure e i colleghi del locale Comando Stazione hanno tratto in arresto Giovanni Federico CASTELLI,  25enne novese, già noto alle FF.OO., in quanto ritenuto responsabile dei reati di resistenza, violenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale e lesioni personali, a seguito di un’aggressione nei confronti di un Maresciallo dell’Arma.

I militari sono intervenuti a richiesta del Sottufficiale che, mentre si trovava libero dal servizio ed in attesa dell’arrivo di un treno, era stato riconosciuto dall’aggressore come Carabiniere e, dopo essere stato ripetutamente minacciato e poi seguito dapprima all’interno della stazione ferroviaria e poi nella piazzetta antistante, era stato da questi proditoriamente aggredito e colpito con un pugno al volto. In seguito alla colluttazione, il sottufficiale è riuscito ad immobilizzare il suo aggressore fino all’arrivo dei colleghi in uniforme che, con non poche difficoltà, hanno proceduto al suo arresto per i cennati reati. Rinchiuso momentaneamente presso le camere di sicurezza del Comando Arma novese, a seguito dell’odierna convalida dell’arresto da parte del Tribunale di Alessandria il 25enne è stato successivamente scarcerato in attesa del processo.

 

Novi Ligure: in attesa in Pronto Soccorso, i Carabinieri intervengono per un venticinquenne che dà in escandescenze, colpendo con un pugno il monitor della scrivania del Triage.

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Novi Ligure, sono intervenuti nel pomeriggio del 3 luglio presso l’Ospedale San Giacomo per una segnalazione di persona in agitazione che, in attesa di ricevere le cure mediche, presumibilmente pretendendo di ricevere in tempi brevi le cure, dopo aver atteso insieme ad altri conoscenti, aveva dato in escandescenze, colpendo il monitor del personale infermieristico addetto al Triage. Dalla ricostruzione dei fatti, il comportamento del venticinquenne, è ora al vaglio dei militari per le ipotesi di violenza a pubblico ufficiale e interruzione di pubblico servizio.

Print Friendly, PDF & Email