Brevi di cronaca

0
271

Il 22 marzo 2012 i Carabinieri di Solero (AL); nel corso di un servizio di controllo del territorio; denunciavano in stato di libertà per tentato furto in concorso un 20enne; un 21enne ed un 25enne; tutti cittadini romeni; residenti a Roccagorga (LT); di fatto domiciliati a Frugarolo (AL); celibi; incensurati; nullafacenti. I prevenuti; giunti nei pressi del deposito di una ditta del luogo a bordo di un autocarro; venivano sorpresi e bloccati dai militari operanti mentre; subito dopo aver scavalcato la sbarra di accesso della ditta; cercavano di oltrepassare la recinzione metallica al fine di asportare vari rottami metallici in ferro e rame; ivi accantonati.

Il 23 marzo 2012 i Carabinieri di Solero (AL); a conclusione di indagini di polizia giudiziaria; denunciavano in stato di libertà per concorso in truffa aggravata un 62enne di Lacchiarella (MI); divorziato; commerciante; pregiudicato ed un 35enne di Quarrata (PO); coniugato; operaio; pregiudicato. Dagli accertamenti svolti è emerso che i prevenuti; il 5 ottobre 2009; in Alessandria; avevano avvicinato un 70enne del luogo sostenendo di essere dei marinai appena giunti al porto di Genova. Nella circostanza; con artifizi e raggiri gli vendevano dei diamanti dell’asserito valore di euro 20 mila; per un importo di euro 6 mila. Dopo un accurato controllo la merce è risultata però essere priva di valore commerciale ed il malcapitato denunciava quindi il tutto all’Arma di Solero che riusciva a risalire agli indagati.

Il 23 marzo 2012 i Carabinieri di Alessandria denunciavano in stato di libertà per ricettazione e per violazione delle norme sull’immigrazione un 26enne; cittadino dominicano; domiciliato in Alessandria. Lo stesso; nella serata del 22 marzo 2012; sottoposto a controllo da parte dei militari operanti; veniva trovato in possesso di una bicicletta di proprietà di un 55enne del luogo; denunciata quale rubata presso la locale Questura il 20 marzo 2012; nonché risultava essere privo dei necessari documenti d’identità e di soggiorno. La refurtiva è stata restituita all’avente diritto.

Il 23 marzo 2012 i Carabinieri di Valenza (AL); al termine di indagini di polizia giudiziaria denunciavano in stato di libertà per violazione degli obblighi inerenti alla sorveglianza speciale un 33enne di Milano; celibe; pregiudicato. Il prevenuto; sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza emessa dal Tribunale di Milano il 3 ottobre 2010; controllato da parte dei militari operanti il 27 febbraio 2012; veniva sorpreso in compagnia di un 34enne di Milano; pregiudicato; violando così gli obblighi impostigli dalla predetta misura.

Il 23 marzo 2012 i Carabinieri di Alessandria; a conclusione di indagini di polizia giudiziaria; svolti a seguito della denuncia sporta il 12 marzo 2012 da un 34enne del luogo; denunciavano in stato di libertà per simulazione di reato una 27enne del luogo; convivente del denunciante e; per indebito utilizzo di carta bancomat; una 39enne; cittadina cubana; residente a Novi Ligure (AL); divorziata; pregiudicata. La convivente del denunciante; titolare di un conto corrente e della relativa carta bancomat; comunicava al convivente di essere stata vittima di probabile clonazione di bancomat in quanto si era accorta di alcuni prelievi eseguiti probabilmente da sconosciuti dal proprio conto corrente; motivo per cui si erano recati dai Carabinieri a sporgere denuncia. Dagli accertamenti svolti emergeva che in realtà la stessa avrebbe deliberatamente consegnato alla cittadina cubana il bancomat; dandole anche il numero del pin; ma autorizzando però un solo prelevamento per una somma minore a quella realmente prelevata in cinque distinte operazioni.

Print Friendly, PDF & Email