ALESSANDRIA: La Prefettura lancia lallarme salmonella nello Scrivia

0
183

La Prefettura di Alessandria ha lanciato l’allarme salmonella seguito da ordinanze ed interventi dei sindaci di Tortona; Novi Ligure; Cassano Spinola e Castelnuovo nei confronti del Torrente Scrivia e delle attività ad esso collegate. Tutto è nato dalla moria di animali denunciata dal vice sindaco di Castelnuovo Gianni Tagliani che ha inviato un esposto dal quale è scaturito un summit tra i sindaci del bacino dello Scrivia che si è svolto ad Alessandria nei locali della Prefettura. Gli esami effettuati sulle carcasse degli animali trovati morti sulle rive del torrente Scrivia hanno messo in evidenza la presenza del batterio della salmonella.Tutti i sindaci rivieraschi sono stati invitati ad adottare provvedimentia titolo cautelativo: il divieto di accesso alle acque del torrente Scrivia e ogni contatto con le acque medesime. Sino a diverse indicazioni in merito; sono vietate la balneazione; la pesca e ogni prelievo; diretto e indiretto; di acque per irrigazione di prodotti orticoli dal torrente in esame. L’ordinanza prevede che in caso di rinvenimento sul territorio di animali morti o loro resti occorre contattare il Servizio di Polizia Municipale (tel. 0131.821555 — 0131.821469) per ogni successivo accertamento. “Le analisi eseguite dall’Istituto Zooprofilattico di Torino – recita un comunicatodel Comune di Novi Ligure -hanno indicato la presenza del batterio della salmonella del tifo come causa della moria di animali volatili riscontrata durante i giorni scorsi nella fascia del torrente Scrivia; precisamente nel territorio dei Comuni di Cassano Spinola e Castelnuovo Scrivia. A questo proposito; la Prefettura di Alessandria ha disposto una serie di misure di prevenzione e di vigilanza generale. Tra queste; l’adozione di ordinanze; da parte degli organi competenti; per vietare gli accessi al greto del torrente Scrivia; la balneabilità; la pesca e l’utilizzo delle acque superficiali per l’irrigazione delle coltivazioni agricole. E’ stato disposto; inoltre; l’aumento della frequenza dei controlli di potabilità dell’acqua delle reti pubbliche.” Il Comune precisa che non esiste alcuna preoccupazione per la rete dell’acquedotto novese; in quanto la problematica ambientale si è verificata a valle dei punti di captazione. In ogni caso; a scopo precauzionale; la situazione viene costantemente monitorata.

Print Friendly, PDF & Email