Alessandria, evasione fiscale internazionale

0
1201

Sono stati recuperati a tassazione oltre un milione di imponibile e duecentomila
euro di IVA dovuta all’Erario. Nei giorni scorsi i militari della Compagnia di
Alessandria hanno ultimato un servizio nei confronti di un’impresa attiva nel
settore dei centri estetici e con sede legale dichiarata in Romania ma, di fatto,
operante ed amministrata in territorio nazionale.
Questo è il risultato ottenuto, dopo accurati approfondimenti investigativi, al
termine di una complessa attività ispettiva eseguita dalle Fiamme Gialle
alessandrine, che hanno raccolto validi elementi di prova per dimostrare
l’esterovestizione della società verificata.
Il termine tecnico “esterovestizione” designa una pratica attraverso la quale
società attive sul territorio nazionale dichiarano fittiziamente di avere la sede
all’estero per poter usufruire di un regime fiscale più vantaggioso.
Sulla base della documentazione contabile acquisita e attraverso l’analitica
disamina degli aspetti gestionali della società – formalmente costituita in
Romania – i Finanzieri hanno rilevato che essa operava di fatto in Italia,
attraverso varie unità locali dislocate sia nella provincia di Alessandria che in
Campania, mentre in Romania non veniva svolta alcuna effettiva attività di
amministrazione, ma era presente solo una mera domiciliazione.

Gli atti sono stati inviati all’Agenzia delle Entrate per il recupero dei tributi evasi
e l’irrogazione delle relative sanzioni. L’entità dei ricavi conseguiti e quella delle
imposte evase hanno, inoltre, fatto scattare la denuncia a piede libero nei
confronti dell’amministratore.
L’attività posta in essere rientra nelle funzioni di polizia economico-finanziaria
della Guardia di Finanza, volte alla prevenzione e alla repressione
dell’evasione fiscale, che sottrae importanti risorse economiche allo Stato,
produce effetti negativi per l’economia, ostacola la normale concorrenza fra
imprese e, oltretutto, accresce il carico fiscale nei confronti dei cittadini e degli
imprenditori onesti.
Contrastare l’evasione fiscale significa, in sintesi, garantire un fisco più equo e
proporzionale all’effettiva capacità di ognuno e ripristinare le necessarie
condizioni di giustizia e solidarietà tra Stato e cittadini.

Print Friendly, PDF & Email