AL TEATRO SOCIALE DI VALENZA

0
259

CONTINUANO GLI SPETTACOLI DELLA SERIE “GRANDI ATTORI GRANDE TEATRO” Al Teatro Sociale di Valenza continua i grandi appuntamenti con lo spettacolo. Inaugurata il 21 dicembre la serie di pice continua fino al 16 marzo. Gli spettacoli sono i seguenti: ANTONIO E CLEOPATRA ALLE CORSE;luned 22 febbraio; con Annamaria Guarnieri e Luciano Virgilio; IL SIGNORE DEL CANE NERO – Storie su Enrico Mattei; marted 16 marzo; di Laura Curino e Gabriele Vacis; con Laura Curino. Ricordiamo che nelle sere di spettacolo disponibile una navetta gratuita per gli spettatori; che collega il Teatro Comunale di Alessandria con il Sociale di Valenza e viceversa. Partenza alle ore 20.00 davanti al Teatro Comunale; Viale della Repubblica. Per riservare i posti chiamare la biglietteria almeno una settimana prima dello spettacolo ai n. 0131 234240 o 0131 942276. LE BIGLIETTERIE DEL TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA E DEL SOCIALE DI VALENZA SONO APERTE TUTTI I GIORNI DALLE 16.30 ALLE 19.30. Per informazioni pi dettagliate sugli spettacoli in promozione; TEATRO COMUNALE DI ALESSANDRIA www.teatroregionalealessandrino.it /tel. biglietteria 0131 234240; TEATRO SOCIALE DI VALENZA; tel. biglietteria 0131 942276. ASPETTANDO MUSICALIA 2010 Domenica 21 Febbraio nella sala multimediale del Museo Etnografico della Gambarina si terr un concerto di Musicalia 2010; prestigioso evento di musica dal vivo. I musicisti protagonisti di questo appuntamento sono Diego Lombardi e Sara Guasco; nati rispettivamente 1988 e 1989; stanno ultimando gli studi pianistici ad Alessandria sotto la guida di Fiorenza Bucciarelli. Significativi nel loro percorso musicale sono la frequenza in diverse edizioni del Campus musicale estivo Verdi Note di Mornese; i risultati ottenuti nei concorsi Nazionali ed Internazionali di Tortona; Oviglio; Sale e Viguzzolo; la partecipazione in veste di solisti e in varie formazioni cameristiche ad importanti rassegne in Piemonte; Lombardia e Liguria. Eseguiranno un assai vasto repertorio che scorrer dal periodo barocco alla contemporaneit.

Print Friendly, PDF & Email