L’energia pulita con il vento e il sole

0
1480

FOTOVOLTAICOLa sagoma all’altezza del cavalcavia del viadotto del Turchino dell’Autostrada A26 direzione Genova, è quella inconfondibile di una pala eolica di quasi 150 metri di altezza e capace di realizzare dai quattro ai quattordici giri al minuto. Realizzata in Germania, unico esemplare in Italia ma con altre 170 nel resto del mondo, questa pala produce energia pulita (con una potenza pari a 3MW). I buoni risultati ottenuti finora, possono indurre la Regione Liguria a costruire una serie di pale sulla diga foranea del porto di Genova. L’energia eolica rappresenta, infatti, una valida alternativa a quella dei combustibili fossili, è rinnovabile (non producendo gas serra) e necessita di una superficie di terra non particolarmente elevata: attività come l’agricoltura e l’allevamento sono perfettamente compatibili. In tutto il mondo, sono 83 i paesi che utilizzano i vantaggi offerti dell’energia eolica: al primo posto c’è la Danimarca, che grazie al vento riesce a generare più di un quarto dell’energia elettrica poi utilizzata. Esiste anche l’energia eolica “domestica”, ricavata da mini pale posizionate su tetti e terrazze di abitazioni. Non solo pale micro-eoliche (che possono produrre fino a 30 KW), ma anche turbine mini eoliche e la possibilità di far interagire contemporaneamente più forme di energia rinnovabili: unendo una mini pala eolica con una batteria per lo storage energetico, o con piccoli impianti fotovoltaici.
Pulita, ma soprattutto principale fonte generatrice di vita del nostro pianeta: l’energia solare. Da essa derivano praticamente quasi tutte le altre fonti energetiche disponibili, basti pensare non solo ai combustibili fossili o all’energia eolica, ma anche all’energia idroelettrica. Considerata notoriamente ad impatto zero, l’energia solare può essere sfruttata tramite varie tecnologie e a diversi fini. La più frequente e conosciuta è quella in cui l’energia viene catturata dai pannelli fotovoltaici che trasformano i raggi solari in elettricità e riscaldamento, sia per quanto riguarda le abitazioni domestiche, sia per ciò che concerne le aree industriali. Esiste poi il pannello solare termico, in grado di sfruttare i raggi solari, in modo da scaldare un liquido che cede calore all’acqua contenuta in un serbatoio di accumulo. Infine, si può utilizzare anche un pannello solare a concentrazione, affinché possa sfruttare una serie di specchi parabolici per poter convogliare i raggi solari su un tubo ricevitore.
Tra l’altro, è proprio di questi giorni la notizia secondo cui in Australia sarebbe stato ultimato il funzionamento di una mini-roulotte in grado di essere alimentata essenzialmente grazie a un piccolo impianto fotovoltaico da 110 watt, con i pannelli solari installati sul tetto.

Gianmaria Zanier

Print Friendly, PDF & Email