Green News – Aprile 2014

0
1020

L’USO DEI FONDI DEL CAFFÈ

fondi del caffèLe maghe usano i fondi di caffè per leggere il futuro ma a parte la magia, possono avere diversi utilizzi: per i capelli con la forfora, per rinforzare la chioma e dare loro lucentezza bisogna strofinarli con i fondi del caffè dopo lo shampoo, lasciare agire per una decina di minuti e risciacquare. Sempre in tema di bellezza é possibile creare un esfoliante naturale per la pelle mescolando i fondi con alcuni cucchiaini di olio di oliva, oppure per combattere gli inestetismi della cellulite si mescolano i fondi di caffè, al  bagno schiuma, un po’ di acqua tiepida e un cucchiaio di argilla verde si ottiene, così, una crema anticellulite da poter massaggiare su cosce e glutei. Bisogna lasciare agire per una decina di minuti, fare, poi una doccia e la pelle sarà più tonica ed elastica.

 
FDM

[divide style=”3″]

ALLEVATORI NOSTRANI IN CRISI

allevatori in crisiLa crisi che sta colpendo a 360° tutti i settori dell’economia, sta interessando in maniera particolarmente grave un ambito che da sempre è stato d’eccellenza, ovvero la produzione e il commercio della pregiata carne bovina di razza piemontese. Gli allevatori denunciano una depressione nel settore, iniziata ormai da anni e che non dà segni di miglioramento, mantenendo in una situazione di difficoltà migliaia tra lavoratori e imprenditori solo nella nostra provincia. A causa del crollo dei consumi, gli allevatori hanno capi di bestiame in età da macellazione che non vengono ritirati perchè non c’è domanda, di conseguenza i costi di mantenimento degli animali lievitano, considerato anche l’aumento dei prezzi dei mangimi, così il periodo corretto per la macellazione viene spesse volte superato. Una speranza di ripresa può arrivare dal fronte esportazioni, almeno per quanto riguarda gli allevamenti di suini, quando a maggio verranno sbloccate le esportazioni negli Stati Uniti di salumi italiani, per un totale che potrebbe aggirarsi intorno ai 18 milioni di euro a
livello nazionale. Gli allevatori piemontesi, se il mercato interno continuerà a non permettere ricavi soddisfacenti, potrebbero diversificare la produzione a seconda delle richieste del mercato estero.

 
Marcello Rossi

Print Friendly, PDF & Email