Venerdì 19 luglio, 200° giorno
dell’anno, 29^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 165 giorni

0
550
Il terrificante scenario della strage di via D'Amelio a Palermo, che uccise il giudice Borsellino e la sua scorta

FRASE DEL GIORNO – È bello morire per ciò in cui si crede; chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola. (Paolo Borsellino)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Arsenio il Grande (Eremita), Beato Pietro Cresci da Foligno (Confessore), San Simmaco (Papa), San Kragon (Cragon, Martire in Egitto),  Sant’Epafra di Colossi (Vescovo e Martire), Santa Macrina la Giovane (Monaca), Santa Milica (Principessa serba – Chiese Orientali).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1900 fu inaugurata la metropolitana di Parigi. Il progresso tecnologico ed economico che vide la Francia al centro della Seconda rivoluzione industriale (1870-1920), fece di Parigi una delle città più trafficate d’Europa. Per risolvere il problema in vista dell’Esposizione Universale del 1900, il Comune promosse la costruzione di una linea sotterranea, che fu progettata dagli ingegneri Fulgence Bienvenüe ed Edmond Huet: i lavori iniziarono ad ottobre 1898 e terminarono a luglio 1900. Seconda metropolitana europea in ordine cronologico dopo quella di Londra (1863), la linea parigina si estese molto rapidamente nei successivi trent’anni, diventando il Métro de Paris.
Nel 1966 la Corea del Nord eliminò l’Italia. Ai Mondiali d’Inghilterra ci fu la peggiore disfatta del calcio azzurro: nel girone eliminatorio, dopo la vittoria sul Cile e la sconfitta con l’URSS, l’Italia di Fabbri perse 1-0 contro la Corea del Nord, squadra di dilettanti che facevano altri lavori, per un gol segnato al 42′ p.t. dal ‘caporale’ Pak Doo-Ik.
Nel 1975 fu inaugurata Gardaland. Catturato dalle meraviglie di Disneyland, l’imprenditore Livio Furini decise di portare quell’esperienza in Italia, dando vita a ‘Gardaland’, il primo parco di divertimenti stabile in Italia. Con i suoi 200mila mq di attrazioni, Gardaland viene visitato ogni anno da quasi 3 milioni di persone e figura ottavo tra i parchi europei con più visitatori.
Nel 1985 avvenne la catastrofe della Val di Stava. Un intero centro abitato e le vite di decine di famiglie furono cancellate in pochi istanti da una valanga di fango e detriti. Situata a sud della provincia di Trento la Val di Stava, fin dal ‘500, fu interessata da una fiorente attività estrattiva, che portò alla costruzione di 2 bacini di decantazione.  L’instabilità degli argini e la natura acquitrinosa del terreno portarono al collasso del bacino superiore e al conseguente cedimento di quello inferiore: un fiume di fango e detriti si abbatté a 90 km/h sulle case uccidendo 268 persone, spazzate via con case, ponti e alberi.
Nel 1992 ci fu la strage di via D’Amelio. Alle 5 del pomeriggio una tremenda esplosione scosse Palermo. Agli occhi dei soccorritori lo scenario fu terrificante: un inferno di fiamme, morte e distruzione che si prese la vita del giudice Paolo Borsellino, procuratore aggiunto della Repubblica di Palermo, e degli agenti della scorta Claudio Traina, Emanuela Loi, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli e Eddie Walter Cosina. Un magistrato simbolo della lotta alla mafia fu barbaramente ucciso davanti all’abitazione della madre, pochi mesi dopo l’assassinio dell’amico e collega Giovanni Falcone. Troppi lati oscuri, come la scomparsa dell’agenda rossa di Borsellino, allungarono i tempi delle indagini e del processo.

NATI DEL GIORNO – Edgar Degas (1834-1917), Francia, pittore e scultore. Nato a Parigi, Hilaire German Edgar Degas fu attivo nella seconda metà del XIX secolo. Il suo nome fu accostato agli Impressionisti, delle cui mostre fu uno dei principali animatori. Tuttavia il suo stile, di grande modernità rispetto ai tempi, resta di difficile collocazione.
Marcello Fiasconaro (1949), Italia, ex-atleta. Nato a Città del Capo (Sudafrica), fu un campione di atletica leggera con passaporto italiano dal 1970. Specialista dei 400 e degli 800 metri, vinse 1 argento (400m) e 1 bronzo nella 4×400 agli Europei ’71. Il 27 giugno ’73 stabilì all’Arena di Milano il record mondiale degli 800m con il tempo di 1’43” 7, battuto 3 anni dopo dal cubano Juantorena. Quel tempo, però, è ancora oggi record italiano.

Print Friendly, PDF & Email