Mercoledì 2 ottobre, 275° giorno
dell’anno, 40^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 90 giorni

0
624
Il 'mahatma' Gandhi, profeta della non violenza, fu assassinato il 30 gennaio 1948 a Nuova Delhi

FRASE DEL GIORNO – Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino (Enzo Biagi)

SANTI DEL GIORNOSanti Angeli Custodi, San Gerino (Martire venerato a St-Vivant), San Leodegario di Autun (Vescovo), San Modesto (Diacono e Martire), San Teofilo di Bulgaria (Monaco).

EVENTI DEL GIORNO – Dal 2005 in Italia è la ‘Festa dei Nonni’, nata negli Usa nel 1978 per ricordare l’importanza del loro ruolo nelle famiglie e nella società. L’idea nacque nel 1970 su proposta di una casalinga americana, madre di 15 figli e nonna di 40 nipoti, che riteneva il ruolo dei nonni fondamentale nella crescita delle giovani generazioni.
Dal 2007 è la ‘Giornata internazionale della non violenza’. Istituita dall’Assemblea generale dell’ONU, ricorda la nascita del Mahatma Gandhi (2 ottobre). Lo scopo è divulgare il messaggio, basato sul rifiuto dell’uso di violenza fisica o verbale in ogni contesto.

NATI DEL GIORNO – Gandhi (1869-1948), India, politico e filosofo. Nacque a Porbandar come Mohandas Karamchand Gandhi e morì assassinato a Nuova Delhi nel 1948. Soprannominato ‘Mahatma’ (grande anima), fu personaggio di rilievo mondiale: brillante avvocato, nella professione si scontrò con le questioni razziali legate al dominio britannico, contro cui ispirò un vasto movimento di protesta pacifica, ottenendo l’indipendenza del suo paese. La filosofia del maestro e la sua opera hanno ispirato i grandi movimenti pacifisti e di difesa dei diritti umani e civili. Il 30 gennaio ’48 Gandhi venne assassinato a Nuova Delhi con 3 colpi di pistola da Nathuram Godse, fanatico indù radicale che lo riteneva responsabile di cedimenti al nuovo governo del Pakistan e alle fazioni musulmane.
Gli rese il giusto omaggio il film “Gandhi” (’82), vincitore di 8 Oscar (‘miglior film’, ‘miglior regista’ e ‘miglior attore’), diretto da Richard Attenborough e interpretato da Ben Kingsley.
Omar Sívori (1935-2005), Argentina, ex-calciatore. Nato a San Nicolás de los Arroyos, naturalizzato italiano, soprannominato ‘el cabezòn’, era un fuoriclasse assoluto con capacità di dribbling e palleggio senza pari. Negli anni ’50-’60 giocò con River Plate, Juventus e Napoli (398 presenze e 219 gol), vinse 3 scudetti argentini, 3 scudetti italiani e 3 Coppe Italia (Juventus) più 2 Coppe della Alpi (Juve ’63 e Napoli ’66), mentre in Nazionale vinse la Copa América 1957 con l’Argentina (19-9) e con l’Italia (9-8) disputò il Mondiale ’62 in Cile. Considerato tra i giocatori più forti di tutti i tempi, vinse il Pallone d’oro 1961.
Antonio Di Pietro (1950), Italia, magistrato e politico. Nato a Montenero di Bisaccia (CB), fece parte come PM del pool ‘Mani Pulite’ che, nel ’92, condusse le principali inchieste di  Tangentopoli. Nel ’98 fondò l‘Italia dei Valori, nelle cui liste fu eletto più volte alla Camera, al Senato e al Parlamento Europeo, ricoprendo gli incarichi di Ministro dei Lavori Pubblici e Ministro delle Infrastrutture. Sposato nel ’73 con Isabella Ferrara e nel ’94 con Susanna Mazzoleni, Di Pietro ha 3 figli: Cristiano, Antonio Giuseppe e Anna.
Romina Power (1951), Usa, attrice e cantante. Nata a Los Angeles come Romina Francesca da 2 famosi attori, Tyrone Power e Linda Christian, visse l’infanzia negli Usa poi, alla morte del padre (’58) venne accudita dalla nonna (con la sorella Taryn) in Messico. Iniziò molto presto al cinema, interpretando anche ruoli erotici, poi si dedicò all’attività di cantante e vinse il Festivalbar ’69 con “Acqua di mare”. Nel ’70 sposò il cantante Albano Carrisi, stringendo con lui un lungo sodalizio artistico e affettivo: 4 figli più 1 vittoria (’84), un 2° e due terzi posti a Sanremo. Dopo la rottura con Al Bano del ’99, segnata dalla drammatica scomparsa della figlia Ylenia, si fermò un po’, praticando yoga e meditazione e diventando vegetariana. Tra i due c’è stato ultimamente un riavvicinamento.
Sting (1951), Inghilterra, cantante e musicista. Nato a Wallsend come Gordon Matthew Thomas Sumner, deve il suo soprannome ‘Sting’ (pungiglione) ad una maglietta a righe gialle e nere, che lo faceva sembrare un’ape, quando suonava con i ‘Jazzmen’. E’ una delle star della musica pop mondiale, anima e voce della storica band ‘The Police’, attiva tra gli anni ’70 e ’80. Vincitore di 36 Grammy Awards, il gruppo si è riunito nel 2007 per un tour mondiale, riproponendo cavalli di battaglia come “Message in a Bottle”, “Walking on the Moon” ed “Every Breath You Take”, accanto ai suoi successi da solista “Englishman in New York”, “Shape of My Heart” e “Fields of Gold”. In tutta la carriera, fra gruppi e solista, Sting ha venduto più di 100 milioni di dischi. Fortemente impegnato su temi ambientalisti e umanitari, si è reso protagonista di grandi gesti di beneficenza. Sposatosi due volte (con Frances Tomelty nel ’76 e con Trudie Styler nel ’92), Sting ha 6 figli.

Print Friendly, PDF & Email