Martedì 25 giugno, 176° giorno
dell’anno, 26^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 189 giorni

0
658
Suggestiva immagine al tramonto della 'Sagrada Familia' di Barcellona, l'opera più famosa di Antoni Gaudì

FRASE DEL GIORNO – Occorre combinare gli elementi sporgenti con quelli rientranti, in modo che a ciascun elemento convesso, cioè situato in luce piena, ne venga opposto uno concavo, ossia un’ombra. (Antoni Gaudì)

SANTI DEL GIORNO – San Prospero d’Aquitania (Monaco e Teologo), San Guglielmo di Montevergine da Vercelli (Abate), San Prospero di Reggio Emilia (Vescovo), San Moloc (o Luano, Venerato in Scozia), San Salomone (Re di Bretagna), Sant’Adalberto di Egmond (Diacono ed Abate), Sant’Eurosia di Jaca (Martire), Santa Febronia (Martire in Persia), Santa Tigre (Tecla) di Maurienne (Vergine ed Eremita).

EVENTI DEL GIORNONel 1947 venne pubblicato il diario di Anna Frank. Con il titolo “Il retrocasa” fu pubblicata ad Amsterdam l’edizione originale del Diario di Anna Frank, lavoro portato a termine dal padre che, con l’aiuto di alcuni amici di famiglia, mise assieme gli appunti scritti dalla figlia 16enne, morta nel campo di concentramento nazista di Bergen-Belsen. In quegli appunti c’era il racconto di vita quotidiana di una famiglia ebrea olandese, costretta a nascondersi dalla repressione nazista. 
Nel 1974 nacque “il Giornale” di Montanelli. Con l’Italia sconvolta dal terrorismo e dalle stragi degli anni di piombo, nel panorama giornalistico debuttò una voce liberale e critica verso i governi di centrosinistra. Il 25 giugno 1974, nelle edicole di Milano, uscì il primo numero de il Giornale NuovoPadre e direttore della nuova testata fu il celebre  Indro Montanelli, che abbandonò il Corriere della Sera, in polemica con la svolta a sinistra del direttore Piero Ottone, portandosi dietro valenti giornalisti quali Enzo Bettiza, Gianni Granzotto e lo scrittore Guido Piovene. Il suo progetto convinse il gruppo industriale Montedison che finanziò l’opera, garantendo la raccolta pubblicitaria e rinunciando a qualsiasi forma di controllo. L’aspetto rivoluzionario fu la struttura cooperativa: in pratica Montanelli e la sua squadra risultavano i veri proprietari del giornale e di conseguenza i soli a poterne dettare la linea politica. 
Nel 1978 l’Argentina vinse il Mondialie di calcio. La squadra allenata da César Luis Menotti battè in finale l’Olanda 3-1. I marcatori nei tempi regolamentari furono Mario Kempes (A) e Nanninga (O), nei supplementari ancora Kempes e Bertoni.

NATI FAMOSI – Antoni Gaudí (1852-1926), Spagna, architetto. Gran parte del fascino della città di Barcellona si deve all’opera dell’architetto di Dio, soprannome attribuitogli dagli abitanti della capitale catalana. Sottovalutato a lungo dalla critica ufficiale, è oggi considerato l’esponente di maggior rilievo del modernismo catalano e tra le figure di punta dell’Art Nouveau spagnola. Nato a Reus, e morto a Barcellona, Antoni Gaudí y Cornet lavorò, ancor prima di diplomarsi, con i migliori architetti del tempo. Fin dall’inizio emerse il suo stile personale, caratterizzato da forme naturali e dall’utilizzo dei materiali più disparati. Il suo estro trovò la massima espressione nel tessuto urbano di Barcellona, che impreziosì con opere di straordinario fascino, su tutte la Sagrada Familia (basilica cattolica) e Parco Guell, entrambe patrimonio dell’umanità dell’UNESCO dal 1984. 
George Orwell (1903-1950), India, scrittore. Tra i massimi autori della letteratura fantascientifica, viene ricordato anche tra i più insigni saggisti di lingua inglese del ‘900.
Nato a Motihari (Bihar) come Eric Arthur Blair, e morto a Londra, fu attivo come giornalista, attivista e opinionista politico. Due i capolavori letterari con cui viene identificato: “La fattoria degli animali” (1945), e “1984″ (del ’49), entrambi manifesti della cosiddetta  ‘letteratura distopica’, ovvero quella in cui si rappresentano società future caratterizzate da scenari apocalittici, in antitesi al concetto di utopia.
Roberto Vecchioni (1943), Italia, insegnante, scrittore e cantante. Nato a Carate Brianza (MB), paroliere e scrittore di grande spessore, è un artista di rilievo nazionale. In carriera ha conquistato 2 ‘Premi Tenco’, il Festivalbar 1992, il Festival di Sanremo 2011 con “Chiamami ancora amore” e, nello stesso anno, il ‘Premio Mia Martini’ della critica. Nominato ‘Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana’, vinse anche il premio “Ambrogino d’oro” del Comune di Milano e il premio “Scanno” per la narrativa.
Professore liceale di lettere, conobbe il successo di cantautore con “Samarcanda” (1977), brano ispirato alla leggenda di un soldato che fuggiva dalla morte. 

George Michael (1963-2016), Inghilterra, cantante. Star della musica mondiale, nelle sue corde ci furono diversi generi, dal rock al pop, dal soul al r’n’b. Londinese doc, con oltre 100 milioni di dischi venduti figura tra gli artisti britannici più popolari di sempre. La sua parabola artistica cominciò negli anni ’80 con gli ‘Wham’, storico duo pop formato col chitarrista Andrew Ridgeley, che produsse brani immortali come ‘Careless Whisper’ e ‘Last Christmas’. Solista dal 1986, col primo album “Faith” vendette più di 17 milioni di copie, trainato da 6 singoli che diventarono tutti grandi successi. Morì il giorno di Natale 2016.

Print Friendly, PDF & Email