Giovedì 17 ottobre, 290° giorno
dell’anno, 42^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 77 giorni

0
361
Al Capone, il terribile gangster della Chicago anni '30 che fu incastrato per evasione fiscale

FRASE DEL GIORNO – Non farti sedurre dal pensiero che ciò che non produce profitto sia senza valore. (Arthur Miller)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Ignazio di Antiochia (Vescovo e Martire), San Fiorenzo di Orange (Vescovo), Santi Catervio, Severina e Basso (Martiri).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1907 fu fondata l’Atalanta. Alcuni studenti liceali diedero vita alla Società Bergamasca di Ginnastica e Sports Atletici ‘Atalanta’, dedicata alla dea mitologica greca. Nel ’13 nacque la sezione calcio e nel ’14 fu riconosciuta ufficialmente.
Nel 1931 Al Capone fu condannato per evasione fiscale
. Si chiuse così la carriera di uno dei più grandi criminali della storia americana. Alphonse Gabriel Capone, noto come ‘Scarface’ (“sfregiato”), fu il capo indiscusso del crimine organizzato di Chicago negli anni ’20, diventando il “nemico pubblico” numero uno. Figlio di immigrati italiani (vero cognome era Caponi, modificato per sbaglio dall’anagrafe), iniziò prestissimo la carriera di gangster: astuto negli affari e spietato coi nemici, ‘Big Al’ riuscì in pieno proibizionismo ad accumulare ingenti ricchezze con il business degli alcolici. Ma al  fisco risultava “nullatenente”, perché casa e auto erano intestate alla moglie. Quindi si cercò, vista l’assenza di prove per gli omicidi, di incastrarlo per le tasse. A incastrare il 32enne gangster fu un piccolo foglietto col suo nome, su cui fu costruito il piano accusatorio per incriminarlo di evasione fiscale, commessa tra il ’25 e il ’29. Il processo durò 6 giorni e la difesa di Capone tentò l’ultima disperata carta, corrompendo la giuria: ma quest’ultima venne cambiata la sera prima della sentenza e per “Big Al” non ci fu scampo. Ebbe il massimo della pena (11 anni di carcere e 80.000 $ di ammenda) e fu rinchiuso prima ad Atlanta e poi ad Alcatraz, dove si ammalò di sifilide. La malattia lo portò alla demenza e lo consumò fino alla morte (1947). Alla sua vita e all’episodio del processo furono dedicati molti film, tra cui il famoso “Gli Intoccabili” di Brian De Palma, con Kevin Costner, Sean Connery, Andy Garcia e Robert De Niro.
Dal 1992 è la Giornata mondiale del rifiuto della miseria. L’ONU diede ufficialità alla ricorrenza, celebrata ogni anno, e padre Wresinski, organizzatore nell’87 della prima iniziativa che portò all’evento, disse: ”Là dove gli uomini sono condannati a vivere nella miseria, i diritti dell’uomo sono violati. Unirsi per farli rispettare è un dovere sacro”.

NATI DEL GIORNO – Arthur Miller (1915-2005), Usa, scrittore. Considerato il maggior drammaturgo americano, con le sue opere portò avanti un’idea di teatro impegnato e calato nel contesto storico, offrendo una lettura critica del “sogno americano”. Nato a New York da famiglia ebrea benestante, iniziò a scrivere negli anni ’30 ed esordì come autore a Broadway nel ’44. Nel ’49 firmò il capolavoro “Morte di un commesso viaggiatore”, che gli valse il “Premio Pulitzer”, ma furono apprezzati anche “Il crogiuolo” (’53) e “Uno sguardo dal ponte “(’55). Sposò Marilyn Monroe (’56) per la quale scrisse la sceneggiatura de “Gli spostati” (’61), ultimo film dell’attrice prima della tragica fine. Durante il matrimonio lei voleva un figlio, ma abortì 3 volte. Divorziarono nel ’61 e nel ’62 Miller sposò la fotografa austro-americana Inge Morath, da cui ebbe 2 figli: Rebecca (’62) e Daniel (’66).
Salvo D’Acquisto (1920-1943), Italia, carabiniere. Napoletano, si arruolò a 19 anni e combattà il Libia. Ferito, fu destinato a Torrimpietra, dove si autoaccusò dell’attacco esplosivo contro i soldati tedeschi (23 settembre ’43), scagionando 22 persone e facendosi fucilare al loro posto. Il sacrificio gli valse la ‘medaglia d’oro al valor militare’ e il titolo di ‘Servo di Dio’, assegnato da Giovanni Paolo II. E’ sepolto nella Basilica di S. Chiara (NA).
Eminem (1972), Usa, cantante. Nato a St. Joseph (Missouri) come Marshall Bruce Mathers III, è una star della musica ‘rap’ mondiale, che in oltre 20 anni di carriera ha venduto 382 milioni di dischi. Eminem sposò 2 volte Kimberly Anne Scott, e nacque Hailie Jade (’95).
Fabri Fibra (9176), Italia, cantante. Considerato l’Eminem italiano, sia per i successi raccolti che per i contenuti forti e provocatori dei testi, nacque a Senigallia (AN) come Fabrizio Tarducci. In carriera ha vinto 7 dischi di platino e 2 dischi d’oro.

Print Friendly, PDF & Email