Giovedì 13 giugno, 164° giorno
dell’anno, 24^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 201 giorni

0
570
"Giochi senza frontiere" fu una divertentissima trasmissione RAI condotta da Ettore Andenna

FRASE DEL GIORNO – Il mondo è di chi non sente. La condizione essenziale per essere un uomo pratico è la mancanza di sensibilità. (Fernando Pessoa)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Antonio di Padova (Sacerdote e Dottore della Chiesa, protettore di orfani, prigionieri, naufraghi, donne incinte, donne sterili, bambini malati, vetrai e reclute), Beata Marianna Biernacka (Martire), San Ceteo (Peregrinus) di Amiterno (Vescovo), San Fandila di Cordova (Martire), San Ramberto (o Ragneberto, Martire), San Salmodio (o Psalmodio, Eremita), San Trifilio di Leucosia (Nicosia, Vescovo), Sant’Aventino (Eremita), Santa Felicola di Roma (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 313 fu promulgato l’Editto di Milano. “Quando noi, Costantino Augusto e Licinio Augusto, felicemente ci incontrammo nei pressi di Milano e discutemmo di tutto ciò che attiene al bene pubblico, [pensammo] che si dovessero soprattutto regolare le cose concernenti il culto […], concedendo anche ai cristiani, come a tutti, la libertà di seguire la religione preferita”. Così nel 313 i due imperatori di Oriente e Occidente, LicinioCostantino, posero fine alle persecuzioni contro i cristiani e proclamarono la neutralità dell’Impero nei confronti di ogni religione. Il documento ebbe un impatto determinante anche nello sviluppo urbano di Milano, che da anonima città di provincia venne elevata al rango di una delle capitali dell’impero, attraverso la costruzione di importanti edifici quali il Palatium (sede imperiale) e le Terme Erculee.
Nel 1983 il primo veicolo umano lasciò il sistema solare. La sonda americana Pioneer 10, lanciata nel 1972, conquistò un primato storico nella storia delle esplorazioni spaziali: oltrepassò l’orbita di Nettuno, il pianeta più distante dal Sole, e divenne il primo veicolo costruito dall’uomo a lasciare il sistema solare. La sonda, chiusa ufficialmente la missione nel 1997, restò in contatto fino al gennaio 2003, poi si appurò che si stava dirigendo verso Aldebaran, stella distante 65 anni luce e raggiungibile in 2 milioni di anni.

NATI FAMOSI – Fernando Pessoa (1888-1935), Portogallo, poeta, scrittore, aforista. Nacque a Lisbona e scrisse il primo poema a 7 anni, facendo trasparire l’inesauribile carica creativa che segnò la sua attività di romanziere e poeta. Esponente del ‘movimento modernista’ e annoverato tra i massimi scrittori del XX secolo, Pessoa espresse questa sua vivacità letteraria ricorrendo agli ‘eteronimi’ (nomi fittizi che coesistono con il vero nome dell’autore, a differenza degli pseudonimi che invece lo celano), che contribuirono ad alimentare il carattere enigmatico della sua personalità. I più noti di Pessoa, ai quali affibbiò una precisa data di nascita e caratteristiche fisiche peculiari, furono Álvaro de Campos, Ricardo Reis, Alberto Caeiro e Bernardo Soares.
Ban Ki-Moon (1944), Sud Corea, politico. Segretario Generale ONU dal 2007 al 2016, nacque ad Eumseong e ricoprì diversi incarichi governativi nel suo Paese, tra cui Ministro degli Esteri. Nel corso del mandato ONU, successore di Kofi Annan, si pronunciò in favore dell’abolizione della pena di morte e per il disarmo nucleare. Il 1° gennaio 2017 come Segretario Generale ONU gli subentrò il portoghese António Guterres. 
Ettore Andenna (1946), Italia, giornalista. La sua popolarità di giornalista e conduttore televisivo fu a lungo “senza frontiere”. Milanese, cominciò come speaker radiofonico a  Radio Monte Carlo, approdando poi ad Antenna 3, TV libera dove ebbe grande successo.
Laureato in scienze della comunicazione, sposato con Diana Scapolan, ex miss ed ex valletta di uno dei suoi show, nel 1978 passò alla RAI e condusse ‘Giochi senza frontiere’, trasmissione tra le più amate in assoluto dal pubblico italiano e non solo. Negli anni ’80 ebbe anche una parentesi politica da europarlamentare (PSDI) e in quella veste si fece promotore della direttiva ‘Televisione senza frontiere’, adottata poi dall’UE per dare regole alla politica televisiva dei singoli Stati.

Print Friendly, PDF & Email