Patina: frittata di lattuga

0
1209

L’antica ricetta della Roma dei fasti imperiali recita così: triterai un cespo di lattuga con pepe, denominato liquanem, vino cotto, acqua e olio. Cuocerai e legherai il composto con delle uova, cospargerai di pepe e servirai. Voilà l’antenata della nostrana frittata.
Un poemetto attribuito a Virgilio, denominato “Moretum”, in un lungo passo descrive la preparazione di un gustoso formaggio all’aglio che spesso veniva servito dopo la suddetta frittata. La preparazione doveva essere all’incirca così: sbollentare qualche spicchio di aglio in un pentolino, aggiungere del pecorino, del sedano, un pizzico di coriandolo in foglie e della ruta. Amalgamare il tutto aggiungendo un po’ d’olio e di aceto. Chi ha il coraggio, provi pure!

Print Friendly, PDF & Email