Club Lions e Banco Alimentare: la collaborazione continua

0
832

– Iniziata diversi anni fa con la partecipazione del Lions Club Alessandria Host alla tradizionale Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, la collaborazione tra Lions e Fondazione Banco Alimentare si è trasformata in un legame sempre più stretto, concreto e costruttivo.

Ne hanno parlato Luigi Frati, vicepresidente del Banco e Manuela Ulandi, componente del consiglio direttivo, ospiti del meeting organizzato dall’Alessandria Host, presidente Marco Bagliano che ha già confermato la disponibilità dei soci all’appuntamento di sabato 24 novembre al supermercato Esselunga di corso Borsalino ad Alessandria a cui parteciperanno, come ogni anno, anche i soci dei Club Lions Alessandria Marengo, Bosco Marengo Santa Croce e Leo Alessandria.

“E’ importante – ha detto Bagliano – avere la consapevolezza di quello che viene fatto per aiutare chi ha più bisogno. Noi Lions collaboriamo molto volentieri a questa iniziativa e ci impegniamo con tanta energia e volontà perché riteniamo che anche un piccolo aiuto possa fare la differenza”.

La serata ha offerto l’occasione per illustrare l’attività della Fondazione, costituita nel 1967 a livello nazionale con 21 sedi. Un’attività difficile, pesante, impegnativa che si basa sul volontariato e che movimenta tonnellate di generi alimentari: in Italia, nel 2017, il Banco ha distribuito 91.235 tonnellate a 8.042 strutture caritative convenzionate, assistendo 1.584.271 persone. I dati sono allarmanti: secondo l’Istat, nel nostro Paese 5 milioni di persone vivono in povertà assoluta e 9 milioni in povertà relativa, ossia sotto il reddito medio pro capite.

Importante il ruolo svolto dal Banco Alimentare nell’alessandrino dove è operativo dal 1989 e offre appoggio a 20 strutture (Caritas e mense dei poveri) che assistono oltre 4.000 persone. Entro due anni, il magazzino di raccolta dei generi alimentari di Novi Ligure dovrà, però, essere trasferito e Luigi Frati, tramite i Lions, ha lanciato un appello agli alessandrini per individuare una nuova sede, magari in città più baricentrica rispetto ai centri zona della provincia.

Il meeting ha riscosso l’interesse dei numerosi soci presenti a cui si sono aggiunti tre nuovi ingressi: Paola Balza, architetto, Licia Camere Cassinelli, titolare di una nota pelletteria, Daniela Sturla, accompagnatrice turistica che hanno ricevuto il benvenuto anche da parte del 1° vicegovernatore distrettuale Alfredo Canobbio.

 

 

Print Friendly, PDF & Email