Tortona. Berutti: Voglio guardare avanti

0
336

Questa mattina; nel corso della conferenza stampa convocata per illustrare le linee di azione per il risanamento del bilancio comunale il sindaco; Massimo Berutti; e gli assessori presenti hanno anche tracciato un bilancio di questi due anni e mezzo di amministrazione con un occhio anche alle azioni che prenderanno forma nel 2012.

Sono due anni e mezzo che non facciamo altro che lavorare sul bilancio – ha sottolineato il sindaco; Massimo Berutti -. Stiamo tracciando una situazione di forte impatto sulla città. Facciamo molta fatica a impostare questo bilancio; ma abbiamo la dignità; la capacità e l’onestà intellettuale per fare queste operazioni con la massima trasparenza. Abbiamo; in questi anni; disincagliato alcune situazioni salvaguardando dei posti di lavoro; continuando a pagare i fornitori e applicando una politica di massima attenzione alla spesa. Abbiamo riaffidato; con la massima attenzione e con una maggior economicità; i servizi che erano gestiti dalla società ATM. Ora voglio guardare avanti e per fare questo dobbiamo procedere con l’attuazione della delibera programmatica”.

C’è un elenco di beni potenzialmente dismissibili – ha spiegato l’assessore al Patrimonio e Lavori Pubblici; Stefano Orsi Carbone -. E’ mia intenzione vendere lo Chalet così come il Gambrinus. E presto lo proporrò alla giunta. Tra poco presenterò il piano triennale dei lavori pubblici che sarà ridotto. Ci saranno i lavori per la Torre del Castello e lascerò il Dellepiane con la consapevolezza che; oggi; è molto difficile garantire la copertura finanziaria per la realizzazione. La priorità sarà quella di ridare dignità ai cittadini di via Emilia Nord”.

L’assessore ha inoltre annunciato che la Regione Piemonte ha assegnato un contributo pari a 7.200;00 euro per la bonifica dei manufatti contenenti amianto dello “chalet Castello”.

Nel corso della conferenza stampa si è parlato anche delle tariffe dei servizi a domanda individuale.

Sono in fase di definizione e a breve usciremo con i dati dettagliati – ha dichiarato l’assessore alla Pubblica Istruzione e Servizi Sociali; Laura Castellano -. Anche nel mio settore sono stati riaffidati molti servizi con risparmi notevoli e buoni risultati. Mentre è in corso la procedura per l’affidamento della gestione della Casa Albergo Cora Kennedy per la quale ci saranno degli aumenti. Sto lavorando per spostare tutti gli uffici del mio settore qui a Palazzo comunale con l’intento di economizzare e di dare un miglior servizio alla cittadinanza. Dal prossimo anno scolastico rivedremo le procedure per i pagamenti dei servizi. Oggi siamo in un regime di post pagato e abbiamo migliorato le verifiche grazie alla collaborazione dell’istituto bancario che; periodicamente; ci consegna un report sugli effettivi incassi dei MAV. Per il futuro pensiamo di introdurre una carta prepagata. L’idea è quella di fornire una “tessera madre” con il credito che sarà tenuta dai genitori mentre al bambino sarà consegnato un semplice badge che sarà collegato alla tessera madre. Partiremo inizialmente con la mensa e pensiamo di estendere a tutti i servizi per agevolare le famiglie e l’amministrazione comunale”.

“E’ un dovere morale andare a sviscerare ogni singola voce del bilancio e ogni singola spesa per evitare gli eventuali sprechi – ha spiegato l’assessore alla razionalizzazione della Spesa; Mario Galvani -; soprattutto perché chiediamo sacrifici alla cittadinanza. Più avanti illustrerò i tagli che andremo a fare”.

Galvani; avendo anche la delega alle Politiche Giovanili; ha puntualizzato che “il Centro Giovani non chiuderà. Attualmente l’attività è coperta fino a giugno; dopo; se ci saranno altre forme di gestione per il comune e per gli utenti le valuteremo”.

Con il teatro non pensiamo solo alla gestione della stagione teatrale ma anche ad un percorso educativo che viene realizzato con una notevole riduzione delle spese – ha commentato l’assessore alle Politiche Culturali; Giorgio Musiari -. Per quanto riguarda la Scuola di Musica noi riconosciamo un contributo di 15 mila euro ed ha registrato un incremento delle iscrizioni; prima ci costava 160 mila euro circa. La Biblioteca sta funzionando bene e cerchiamo di prevedere aperture al sabato o serali per far sì che anche gli adulti possano fruire di questo servizio. Per le manifestazioni si deve ragionare in un’ottica di sussidiarietà orizzontale: la compartecipazione degli interessati e la presenza di uno sponsor”.

Print Friendly, PDF & Email