Teatro di Eccellenze: cosa accadrà il 9 settembre?

0
595

Una città che, dopo il progetto di restyling dell’arredo urbano del “Green Design”, è pronta a mettere in mostra le proprie eccellenze eno-gastronomiche e i propri negozi e ripresentarsi agli alessandrini, dopo le vacanze estive, con la sua faccia più bella.

Ma come? In un modo unico e originale, partendo dal teatro che, con una proposta di elevato profilo artistico, si impegnerà ad interpretare una città e un centro storico che hanno desiderio di far parlare di sé in modo positivo e di dimostrare al mondo le proprie attrattive. Una voglia di rinascita che arriva dalle attività economiche e commerciali ma, anche e soprattutto, dalle persone.

Perché venerdì 9 settembre? è il momento in cui, dopo la pausa estiva, idealmente si è pronti a ritornare all’attività lavorativa e scolastica, ma si gode ancora dell’atmosfera dell’estate e si apprezza maggiormente il clima della città in festa, non per pensare di essersi lasciati il bello alle spalle, nelle località di villeggiatura, ma per (ri)scoprirla anche qui.

In concreto, cosa succederà?

Alessandria diventerà il centro non di uno solo evento teatrale ma di sei spettacoli — a cura dell’Associazione Teatrodistinto di Alessandria (regia e ideazione di Daniel Gol) — dislocati in sei location diverse le cui sedi saranno alcuni negozi sfitti.

Più specificamente, dalle 18.30 alle 22.30, gli spettacoli (itineranti) saranno riproposti in performance di 15-20 minuti ciascuna e verranno eseguiti a ciclo continuo.

I “protagonisti” dell’evento saranno le attività economiche del centro città che avranno la possibilità di mettersi in mostra e farsi conoscere in occasione di una serata che, per la propria particolare attrattività e per l’attività di comunicazione di cui godrà, vedrà sicuramente visitatori anche da fuori città.

In particolare, i bar, i ristoranti, le pizzerie e i locali del centro città potranno allestire un vero e proprio ristorante a cielo aperto rispettando il tema dell’eleganza e coordinandosi per i colori e i materiali da utilizzare.

Anche le gastronomie e i negozi di generi alimentari saranno protagonisti della serata allestendo un punto esterno proprio oppure facendo sinergia con uno dei bar o dei ristoranti.

Pure le pasticcerie avranno un ruolo di assoluto valore sia con l’evidenza dei prodotti De.Co. sia con la possibilità, come per le gastronomie, di fare sinergia con bar e ristoranti.

Insomma: si avranno finalmente in squadra tutte le eccellenze dei locali pronte a giocare con la maglia della città.

Tutti i piatti proposti dai singoli locali — quale una sorta di prestigioso “buffet stellato” — verranno tra l’altro inseriti all’interno di un vero e proprio “percorso del gusto” che sarà distribuito anche all’Infopoint della manifestazione.

Per tutti i negozi della città sarà un’occasione per mettere in mostra la qualità dei propri prodotti in un contesto unico, scenografico ed originale. Il flusso di persone che si sposterà tra le varie location teatrali per assistere alle performances e tra i punti allestiti per la degustazione, concretizzerà, in un’atmosfera rilassata, un movimento e un passaggio (qualcuno la chiami pure “movida”…) quali poche volte si è assistito nel centro cittadino.

Infine, quale ulteriore fattore attrattivo, di carattere artistico-culturale, della serata, vi saranno le proposte musicali degli allievi del Conservatorio Statale di Musica “Antonio Vivaldi” di Alessandria che si esibiranno in alcune suggestive locations quali Piazzetta della Lega e altri luoghi insoliti del centro cittadino.

La manifestazione del 9 settembre è promossa dall’Amministrazione Comunale di Alessandria (in particolare dall’Assessorato allo Sviluppo economico e dall’Assessore alle Politiche culturali), da Ascom Confcommercio della Provincia di Alessandria con il Tavolo di lavoro “Ascom per il Centro” e dalla Camera di Commercio di Alessandria.

«Una città aperta e sensibile alla propria valorizzazione, a partire dalle eccellenze del centro cittadino — dichiara il Sindaco di Alessandria, Maria Rita Rossa —. È questo il presupposto su cui l’amministrazione comunale ha lavorato per promuovere la serata del 9 settembre e, con soddisfazione, registro il grande coinvolgimento di moltissimi operatori, degli Enti con cui abbiamo condiviso l’ideazione della manifestazione in tutti i suoi dettagli e degli stessi tanti concittadini che hanno dato la propria disponibilità a collaborare per la piena riuscita dell’evento». «Lavorare sinergicamente — sottolinea Marica Barrera, Assessore allo Sviluppo economico di Alessandria — è il nostro approccio quotidiano, ma l’evento del 9 settembre segna un fattore di successo in più: quello di riuscire a concretizzare per la prima volta una collaborazione che vede uniti fattivamente, come in un unica squadra, commercianti, enti rappresentativi e amministrazione comunale per rendere il centro cittadino bello, attrattivo e vitale nella valorizzazione delle proprie eccellenze». «Il 2016 — sottolinea Vittoria Oneto, Assessore alle Politiche culturali di Alessandria — è un anno davvero importante per la nostra città. Se la riapertura della Sala Ferrero del Teatro Comunale ne rappresenta, dal punto di vista culturale, un elemento di assoluto rilievo, non da meno la formula pensata per la serata del 9 settembre e quell’aprirsi della fruizione teatrale alla modalità di “teatro per la strada” costituisce un fattore di grande suggestione e attrattività, tanto più significativo in quanto coniugato alla valorizzazione delle nostre eccellenze enogastronomiche alessandrine. Inoltre, vorrei sottolineare ancora due elementi di interesse: da un lato, il fatto che il 9 settembre costituisca una sorta di “preludio” inaugurale rispetto alle importanti proposte che caratterizzeranno la prossima Stagione Teatrale invernale 2016/2017 e, dall’altro lato, la conferma della sinergia con il Conservatorio di Musica “Vivaldi” diretto da Angela Colombo, che ringrazio ancora una volta per la disponibilità dimostrata anche per questa manifestazione e con cui continueremo la collaborazione per quanto riguarda la declinazione dell’offerta culturale cittadina e le proposte presso il Teatro Comunale». «Si tratta di un grande evento che vedrà uniti in una grande squadra tutti i commercianti del centro — dichiara il Presidente Ascom Confcommercio della Provincia di Alessandria, Vittorio Ferrari — dal food all’abbigliamento, tutti insieme per valorizzare la città, i negozi e le eccellenze. La scelta delle location è stata fatta per risvegliare nuove forme di partecipazione e riabituare le persone a frequentare spazi momentaneamente inutilizzati e ad immaginare nuovi utilizzi, commerciali e non. Per lanciare un messaggio di rinascita, perché con la linfa  della cultura si può nutrire l’ambiente circostante ricreando sinergie e relazioni condividendo spazi urbani». Dopo il Green Design vogliamo dare vita al centro — dichiara il coordinatore del Tavolo di lavoro “Ascom per il Centro”, Davide Valsecchi — unendo cultura, food e commercio per dimostrare a tutti che –uniti –siamo forti davvero. Il centro storico è il centro commerciale naturale della nostra città, vantiamo negozi e attività economiche di grande tradizione e di eccellenza, che vanno valorizzati insieme al rilancio della città. Abbiamo deciso di investire su un evento che esce dagli standard abituali di Alessandria per iniziare a dare un’impronta nuova e di rinascita alla nostra città. Per avere fiducia bisogna credere nei propri mezzi — conclude Valsecchi — e, la sera del 9, sarà un modo per guardarsi, per capire e far capire, quanta professionalità è presente nel nostro territorio e che con un insieme di eccellenze non si può che avere coraggio e positività». «La Camera di Commercio — dichiara Gian Paolo Coscia, Presidente della Camera di Commercio di Alessandria — guarda da sempre con favore alle iniziative per la rivitalizzazione dei centri storici e, in una precisa fase della sua storia, ha indirizzato risorse per sostenere le attività economiche delle aree centrali delle principali località della provincia. Oggi questo sostegno finanziario diretto non è più possibile a causa delle note condizioni dei bilanci camerali, dimezzati rispetto al 2014. Il nostro ente, però, non vuole rimanere assente da un’iniziativa che si distingue per livello di innovazione, apertura generalizzata a tutti i gerenti delle attività economiche e collaborazione tra le eccellenze della città. Ci uniamo quindi all’apprezzamento per il lavoro di Ascom e Comune di Alessandria, ringraziando i singoli commercianti del centro storico per l’entusiasmo e la voglia di fare che stanno dimostrando in questa circostanza». «Nel proporre il progetto di riaprire, per una sera, luoghi sfitti e in disuso per renderli teatri di emozioni, suggestioni e ricordi — precisa Daniel Gol, regista e ideatore delle proposte teatrali di Teatrodistinto — abbiamo incontrato, con sorpresa e grande piacere, un inaspettato entusiasmo e un atteggiamento estremamente positivo sia da parte dell’amministrazione comunale che dell’associazione Ascom. Ciò ha consentito di ampliare ed arricchire la proposta in una sinergia in cui ciascuno è stato capace apportare la propria competenza specifica, giungendo ad un progetto che accoglie il pubblico e lo accompagna in un percorso tra teatro e sapori, luci e musica e che incontra in maniera trasversale interessi e sensibilità diverse e ricche. Da un punto di vista artistico, si tratta di un viaggio all’interno di sei spazi che riprendono vita e respiro, utilizzati per l’atmosfera di cui sono portatori, in un rapporto intimo, che rende complici attori e spettatori. Luoghi e ricordi, immagini surreali e storie lontane, ironia e incanto si incrociano. Ogni spazio è una storia, ma qualcosa di molto profondo crea un sottile filo che collega le voci».

Print Friendly, PDF & Email