Sospeso lo scarico dello smarino nella cava Clara e Buona

0
288

A seguito dei controlli effettuati da ARPA sul conferimento dello smarino degli scavi del Terzo Valico, il COCIV ha temporaneamente sospeso tutti i conferimenti presso il sito di cascina Clara e Buona e presso il deposito intermedio di Cascina Romanellotta in attesa di quanto verrà definito dalla seduta dell’osservatorio ambientale.

I risultati delle analisi di ARPA che ha il compito di far osservare le prescrizioni per il conferimento all’interno della Cava, hanno evidenziato il superamento di circa il 100% del limite massimo ammesso per l’inquinante tensioattivi anionici.

L’ARPA ha trasmesso i risultati al COCIV, agli Enti interessati ed alla Magistratura; il COCIV su questa basi, ha dovuto immediatamente sospendere i conferimenti.

Questa sostanza che è stata rilevata dai controlli di ARPA è un componente che viene utilizzato dove gli scavi della galleria vengono realizzati con la famosa ‘talpa’ – ha commentato l’assessore all’Ambiente, Claudio Lombardi -. E stato sforato il limite massimo ammesso indicato dallo studio commissionato all’istituto ‘Mario Negri’. Oggi la questione verrà esaminata dall’osservatorio ambientale che prenderà decisioni in merito. I controlli dell’ARPA si sono dimostrati efficaci e di questo siamo molto soddisfatti; nello stesso tempo vigileremo costantemente per la tutela dell’ambiente e della falda acquifera sottostante alla cava Clara e Buona”.

Da tempo la Provincia di Alessandria ha chiesto il trasferimento dell’osservatorio ambientale ad Alessandria e l’inserimento fra i membri dell’osservatorio ambientale, con diritto di voto, di ARPA Piemonte e Liguria – ha concluso il sindaco, Maria Rita Rossa -. La presenza all’interno dei principali attori che sul nostro territorio si occupano della tutela dell’Ambiente è un fattore che riteniamo essenziale per l’assunzione di corrette e condivise decisioni”.

Print Friendly

LASCIA UN COMMENTO