Sistema sanitario a rischio sostenibilit: Monti ; non ci provare!

0
264

Soltanto una settimana fa il Presidente del Consiglio ci illustrava un roseo 2013 in ripresa e con la crisi alle spalle; poi l’Ocse dice che nel 2014 sarà necessaria un’altra stangata e così Monti; stile Fornero; se ne esce con la frase felice sull’insostenibilità del sistema sanitario. Solita musica; solita strategia di comunicazione: prima dico che tutto va meglio; poi; siccome l’Europa; l’Ocse o chi per esso; come un orologio svizzero chiede sacrifici; comincio a lanciare il sasso e sondo la reazione del popolo perché ho in programma di colpirlo ancora; in nome del sacrificio per il Paese; perché necessario. Necessario per chi; per recuperare altri soldi dai cittadini e mantenere i privilegi della casta e delle banche neanche scalfiti in un anno di governo da professore. “Monti; anzi; Presidente; non ci provare! – grida la piazza – attenzione i cittadini sono alla canna del gas e sei seduto su una polveriera!”. La credibilità bocconiana si sta giorno dopo giorno disintegrando; ora ai cittadini per ridare fiducia al governo dei professori serve la concretezza dell’azione; almeno un decreto che vada verso il popolo e contro i privilegi della casta. Invece; bellamente; si pensa già nel Monti bis a toccare la sanità; l’ultimo baluardo democratico di questo Paese. Sì; Monti bis; non è un refuso; è una certezza: ora siamo distratti dalle primarie e dalle liti del centro destra; ma domani dalle urne non uscirà una vittoria netta; ma un’accozzaglia di pseudo alleanze; con una maggioranza risicata; sparigliata dal fenomeno Grillo. Nessuno avrà i numeri necessari e l’ingovernabilità farà richiamare il professore e i professorini al seguito; con il gaudio delle banche e della finanza; i burattinai della politica. Ne sono consapevoli; Bersani; Renzi; Berlusconi; Alfano e il resto del “fritto misto”; il Monti bis; però; se la vedrà con il “ci vediamo in Parlamento” di grillina matrice; l’unica opposizione futuribile ma ancora tutta da dimostrare; abile ancor fuori dal Palazzo; un’incognita per quando sarà seduta sullo scranno. Presidente; ci ripensi!

Fausta Dal Monte

Print Friendly, PDF & Email