Rita Rossa: ‘Il tavolo tecnico per Alessandria è pronto, ma il tempo stringe’

0
523

Il sindaco di Alessandria Rita Rossa ha incontrato oggi i giornalisti per fare il punto della situazione all’importante incontro per la città, avuto nei giorni scorsi a Roma con il ministro Delrio.

Rita Rossa, prima di occuparsi delle vicende politiche, ha voluto ricordare don Andrea Gallo, scomparso ieri pomeriggio. ‘Ho seguito negli ultimi giorni l’evoluzione della sua malattia’, ha detto il sindaco. ‘Il mio abbraccio va alla Comunità San Benedetto al Porto. Ricordo Don Gallo per tutte le battaglie che ha portato avanti coinvolgendo il nostro territorio. Andrò a visitare la sua camera ardente per dargli un ultimo saluto’.

Passando poi alle questioni che le competono, Rita Rossa ha spiegato di aver avuto un incontro decisivo con il ministro Delrio ed il vicemistro Bubbico. Sottolineando più volte i tempi stretti necessari per prendere provvedimenti per la città, il sindaco ha annunciato che il tavolo richiesto, per quanto riguarda la fase tecnico preparatoria, è già pronto. Oltre alla situazione alessandrina, verranno valutate anche le situazioni dei comuni di Reggio Calabria e Napoli, attualmente in una situazione di pre dissesto.

Se da una parte il tavolo tecnico che dovrà valutare le modifiche che si potranno attuare sulla normativa del dissesto, dall’altra però il Comune deve fare i conti con il Ministero del Tesoro che molto difficilmente potrà inviare del denaro. Rita Rossa è parsa comunque nel complesso soddisfatta dall’incontro al quale ha partecipato, spiegando che ‘il ministro Delrio mi ha sostenuto nell’azione di salvaguardia dei servizi che l’osservanza della normativa sul dissesto non avrebbe permesso. Delrio è anche un sindaco, e si rende perfettamente conto che il dissesto non è solo una cosa tecnico-burocratica, ma occorre salvaguardare i livelli occupazionali e i servizi’.

‘Il ministro ha poi intelligentemente sottolineato’, ha proseguito Rita Rossa, ‘come al tavolo manchi ancora una rappresentanza dei cittadini. Da parte nostra non vogliamo solamente porre un tampone alla situazione di dissesto, ma intendiamo modificare la situazione che ci ha portati al dissesto’. Considerata la chiusure del Ministero del Tesoro, ‘le Regioni sono uno snodo fondamentale per ricevere fondi; ricordo che il Comune ha ancora un credito di una decina di milioni di euro nei confronti della Regione, chiediamo quindi che questa si impegni al rifinanziamento della cassa integrazione in deroga.’

Poi, lancia una proposta: ‘Se calcolassimo tutti i crediti effettivi ed esegibili, potremmo contattare gli istituti di credito del territorio ed anticipare quei soldi ai creditori. I soldi ad oggi non sono previsti dallo Stato, ma la battaglia è ancora aperta’. Infine, parlando quasi sotto voce, ha concluso: ‘potremmo ricavare i fondi togliendoli al Terzo Valico, un’opera ciclopica che sta sucitando parecchie perplessità’.

Print Friendly, PDF & Email