Bando attività P.I.S.U., richiesti contributi per 1.267.000 euro

0
970

Martedì 20 gennaio si è chiuso il bando per le attività economiche del P.I.S.U. (Progetto Integrato Sviluppo Urbano)Sono state presentate complessivamente 44 domande per un totale degli interventi pari a € 2.860.377,07.  L’importo dei contributi richiesti è stato pari a poco meno della metà del totale, cioè € 1.267.708,65, a fronte di una disponibilità attuale di 852.000. Il Comune si attiverà per reperire i restanti 412.000, ammesso che tutte le domande abbiano i requisiti richiesti per ricevere i contributi. Cosa che avverrà dalla prossima settimana, e l’esame sarà rapido: entro fine mese la commissione ad hoc, presieduta dall‘ing. Neri, deciderà chi è dentro e chi è fuori. Fra le 44 domande pervenute, sono 14 quelle relative all’insediamento di nuove imprese, per un totale di € 1.456.881,64 di interventi e un contributo di 708.248,87, mentre 30 sono quelle che si riferiscono ad imprese già esistenti, pari 1.403.495,43 € di interventi con richiesta contributi di 559.459,78. Come si può notare, la percentuale di contributi è pari circa alla metà del totale per le nuove imprese e scende al 40% per quelle che rinnovano. Sul progetto si è impegnata molto l’Assessore al Commercio Marika Barrera, che è andata al di là del contatto istituzionale con i rappresentanti di categorìa, battendo il territorio ‘porta-a-porta’ e contattando uno per uno i singoli esercenti, convincendoli della bontà dell’iniziativa, che punta molto sulla logica di rete, in base alla quale sono previsti anche interventi individuali di commercianti che non hanno presentato progetti. Dunque sarà importante ‘fare squadra’ per far rinascere la zona. Molto gettonate le iniziative relative ad ‘alloggio, ristorazione, somministrazione cibi e bevande’, pari ad un terzo del totale (14 su 44) e singolare quella di un signore che ha presentato il progetto di ‘marito-in-affitto’: progetto di 5.000 euro, contributo richiesto di 2.500. In pratica affitterebbe un box, lo attrezzerebbe e sarebbe disponibile ad interventi di piccola manutenzione nelle case, quelle cose che càpitano a tutti e quasi nessuno sa sbrogliare. Forse sarà colui che lavorerà di più, ma non va confuso con i doppi sensi.

Foto: l’assessore Barrera, il  sindaco Rossa e l’ing. Neri con lo staff dell’ufficio del PISU

Print Friendly, PDF & Email