Palazzo Rosso: occorre un tavolo permanente di crisi

0
309

La corte dei conti ha oggi accertato il dissesto economico e finanziario del Comune di Alessandria. La sentenza fa riferimento alla situazione fino al 31 dicembre 2011 e risulta impietosa: tra buco nel bilancio e debito; ci sono oltre 100 milioni come risultato di 5 anni di gestione dell’ex sindaco Fabbio. Oggi il Comune ha indetto una conferenza stampa straordinaria; nella quale sono intervenuti il sindaco Rossa e l’assessore al bilancio Pietro Bianchi.

Il sindaco ha spiegato la situazione; dicendo che la legge assegna alla giunta comunale; dopo il provvedimento di notifica del dissesto; 20 giorni per approvare uno provvedimento; pena lo scioglimento della giunta comunale e il commissariamento.

Verrà indetto al più presto un tavolo di coordinamento tra i dirigenti; scelti tra i membri di maggioranza della giunta; e un’unità di crisi permanente. Rita Rossa ha rassicurato i cittadini; per quanto possibile; che la giunta prenderà l’impegno di mettere in sicurezza i servizi di pubblica utilità; e che non verranno mortificati gli strumenti per lo sviluppo.

Il sindaco ha attaccato duramente l’ex giunta Fabbio; affermando di non avere spirito di vendetta ma di giustizia; ritenendo giusto che i cittadini sappiano di chi sono le responsabilità dell’attuale situazione.

Secondo Rita Rossa; Fabbio è il sindaco che passerà alla storia per aver lasciato un dissesto finanziario di tale importanza alla città di Alessandria. L’azione di risanamento verrà attuata con trasparenza totale; ogni settimana verrà indetta una conferenza stampa per permettere anche ai cittadini di seguire e prendere parte alle iniziative di governo.

Intanto è stato indetto un tavolo di coordinamento dirigente; al quale prenderanno parte alcuni membri di maggioranza del consiglio comunale; e un tavolo di crisi permanente.

Dopo il sindaco; ha preso la parola l’assessore al bilancio Bianchi; che ha definito fallimentare l’esperienza della finanza creativa; con cui l’ex giunta ha governato; citando l’esempio della Lehman Brothers; banca fallita nel 2008. Secondo Bianchi; nell’amministrazione della città; Fabbio avrebbe tenuto troppo conto della creatività; e troppo poco della calcolatrice.

Bianchi avrebbe poi accusato Fabbio di aver permesso alle partecipate comunali AMIU; AMAG e ATM; di vantare un credito nei confronti del Comune senza prima saldare un loro debito precedente.

Marcello Rossi

Print Friendly, PDF & Email