Orti in città per coltivare in modo naturale

1
901

Sono stati consegnati, questa mattina, presso il Centro di incontro comunale “Orti in città”, gli attestati ai partecipanti al primo modulo del Corso “Coltivare in modo naturale’, dedicato ai Principi base per la coltivazione dell’orto ed è stato presentato il secondo che, curato da Angelo Ranzenigo, partirà martedì 30 aprile e verterà sui Principi base del giardinaggio.

L’assessore all’Aggregazione sociale, Gianni Ivaldi, nel ricordare come ieri si sia celebrata la Giornata della Terra, ha sottolineato che il Corso si inserisce in un percorso di iniziative volte a ‘riscoprire i saperi e i sapori di una volta’: “La Giornata di ieri, dedicata alla celebrazione dell’ambiente e del pianeta, ha ribadito l’importanza, per il corpo e per la mente, di coltivare la terra”. “Un aspetto non secondario – ha continuato – è rappresentato, inoltre, dal poter diventare un’integrazione o una fonte di reddito”.

Ugo Lombardi, presidente dell’Associazione Orti in città e curatore del primo modulo, ha posto l’accento sulla presenza di 170 soci “che hanno un orto qui. Abbiamo, inoltre, creato uno spazio dedicato alla Ristorazione Sociale così che possa avere sempre a disposizione, direttamente, i suoi prodotti”.

Margherita Cavanna, coordinatrice dell’iniziativa, ha parlato di un corso “semplice e aperto a tutti con un approccio particolare: l’avvicinarsi alla terra come realtà viva e vera”.

Angelo Ranzenigo, responsabile del Giardino Botanico Comunale “Dina Bellotti”, condurrà i quattro incontri del secondo modulo e lo farà, ha dichiarato, “cercando di far comprendere l’unicità dell’individuo, di ogni pianta come essere vivente: un aspetto che un bravo giardiniere è in grado di cogliere”. Ha, quindi, concluso con un invito a visitare il Giardino Botanico, eccellenza cittadina ancora poco conosciuta, in cui si svolgono corsi per ogni fascia d’età a partire dai 3 anni e che è aperto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12, nei pomeriggi di lunedì, martedì e mercoledì dalle 15 alle 17, e, su prenotazione, anche il sabato e la domenica.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO