Novi Ligure: primo Consiglio Comunale dopo la lunga pausa estiva

0
729

Si è tenuto ieri sera, lunedì 3 ottobre, il primo consiglio comunale di Novi Ligure convocato dopo la pausa estiva durata ben due mesi. In apertura, il Presidente del Consiglio Martina Sciutto ha voluto ricordare la celebrazione della “Giornata Nazionale delle vittime dell’immigrazione”, per poi passare  la parola all’assessore al bilancio Tedeschi, il quale ha illustrato e messo ai voti due manovre di variazione di bilancio, entrambe già esaminate in commissione, per il finanziamento di lavori di manutenzione stradali , delle scuole e su alcuni edifici comunale, principalmente sugli uffici comunali e palazzi per permettere il completamento del trasferimento degli uffici nel palazzo di Piazza delle Piane, mentre una parte dell’applicazione dell’avanzo per investimenti è stata indirizzata all’acquisto di banchi ed attrezzature per le scuole. In seguito l’assessore ha comunicato i due prelievi dal fondo, di cui il primo riguarda il finanziamento di 30.500 dell’affidamento alla centrale di committenza della costruzione del bando per il project financing che riguarderà soprattutto la riqualificazione dell’illuminazione pubblica tra cui alcuni punti bui del centro storico, mentre il secondo prelievo è stato indirizzato in parte all’acquisto di un applicativo per smartphone a servizio della Protezione Civile per un servizio di allerta in caso di emergenza maltempo, una parte a contributo della copertura assicurativa dei volontari della Protezione Civile e 40.000 euro per rifinanziare alcuni contributi regionali per sostegno all’affitto.

La parola è poi passata al Vicesindaco Felicia Broda che ha illustrato il nuovo “Regolamento del Volontario Individuale”, il quale prende spunto dal progetto di adesione alle attività di associazioni volontarie del territorio Novese proposta ai rifugiati che alloggiano nei centri assistenza della  città e che riguardano attività di manutenzione e decoro della città e attività legate al settore culturale e sociale. Un modo per coinvolgere i rifugiati nel tessuto sociale della città che però finora ha incontrato alcune difficoltà a cui l’amministrazione ha deciso di rimediare istituendo un albo a cui possono accedere anche i cittadini Novesi, purché non si abbiano precedenti penali. I volontari ovviamente non sostituiranno i dipendenti comunali, ai quali invece si affiancheranno, grazie anche all’aiuto di tutor.

Dopo un breve intervento dell’assessore all’urbanistica Maria Rosa Serra riguardante la trasformazione del diritto di superficie in piena proprietà di alcune unità immobiliari, la parola è passata ai consiglieri dell’opposizione. Ad aprire le interrogazioni è stata Lucia Zippo del M5S in merito alle utenze delle acque comunali i viale dei Campionissimi, discorso rimandato a quando verranno ripresi i totali delle spese complessive di utenza, e riproponendo le problematiche inerenti alle  spese del teatro P.Giacometti, spese che secondo il consigliere Zippo non sono coperte a sufficienza dalle entrate e che pesano sulla collettività, una polemica che si è poi estesa alle spese generali nel settore culturale, incluse le spese relative al recente Festival Marenco, di cui l’assessore alla cultura Bergaglio ha ritenuto opportuno discutere in altro momento.

Il capogruppo Gallo ha poi illustrato la mozione in merito al ripristino del territorio del Campo Base Tav che si trova in zona Pieve, preoccupati per l’aspetto che avrà questo territorio in seguito al cambiamento geo-morfologico  e allo smantellamento del Campo Base. Il Sindaco Rocchino Muliere ha risposto leggendo una traccia degli interventi concordati con le aziende Tav, che includono il ripristino del territorio come consegnato con relativo smaltimento di tutti i rifiuti secondo le norme vigenti e il ripristino di 10.000 metri cubi di area vegetale con la tecnica dell’idro-semina. In seguito a queste precisazioni il Sindaco ha chiesto alcune modifiche alla mozione, con le quali si indica che il Sindaco stesso e la giunta comunale si accerteranno a tempo debito che i territori in questione vengano riconsegnati come previsto dall’accordo.

Il consiglio è stato chiuso dalle interrogazioni del consigliere Maria Rosa Porta che, oltre ad estendere un interpellanza mossa dai cittadini stessi in merito ad alcuni disagi in Via Monte Sabatino per l’illuminazione e la viabilità ed i parcheggi, ha dichiarato una forte disapprovazione riguardo la recente elezione del Presidente dell’ANPI Sezione Locale “Ezio Tulipano”, ritenendo più indicato che venisse eletto uno dei tre partigiani ancora in vita sul territorio novese ed esprimendo solidarietà per il partigiano e presidente uscente Franco Barella, dichiarandosi disponibile a votare anche da sola l’ordine del giorno. In seguito Maria Rosa Porta ha accettato la richiesta di non chiamare a votare di quasi tutta l’aula e del Sindaco stesso, il quale, pur essendo lui stesso iscritto all’ANPI, ha invitato a riflettere il consigliere Porta riguardo il fatto che esprimersi in merito non sia nelle competenze dell’aula e che votare non sarebbe stato una volontà comune  del consiglio.

Federica Riccardi

Print Friendly, PDF & Email