Notte da incubo ad Acqui Terme, superata la piena del ’94: terme invase dall’acqua, allagata la periferia della città

0
20297

L’acqua invade Acqui. Un fiume di otto metri ha svegliato la città del cuore della notte. Case isolate, alberghi allagati, negozi sommersi. Chiusa la stazione di Polizia che ha subito danni irreparabili e chiusi gli uffici delle Terme di Acqui spa dove questa mattina l’acqua ha coperto il pian terreno. Spazzato via il bar della pista ciclabile. Evacuate alcune zone della periferia. Riaffiorano i ricordi dell’alluvione del ’94, ma questa volta è peggio: l’ondata di piena ha superato i limiti di 22 anni fa.

dsc_0011dsc_0013

Dalle 13 si viaggia a senso unico alternato lungo viale Enaudi dove diverse squadre della protezione civile stanno lavorando nello stabilimento Regina per rimuovere decine di metri cubi di acqua. La situazione è sotto controllo con sei idrovore impegnate in alcune parti della città utilizzate in cantine allagate e locali sommersi. Attimi di panico in via Goito dove questa notte l’acqua ha ricoperto decine di auto in due parcheggi sotterranei. Attualmente alcune case di via Moriondo sono ancora allagate.

dsc_0002protezione

Il fiume Bormida è esondato all’una di questa notte in zona cimitero per poi arrivare alle prime case (isolate) della città. Diverse aziende hanno spostato i mezzi e parchi macchina lungo la statale mentre alla Torre è stato posizionato l’intera flotta di una ditta specializzata in scavi e costruzione di tralicci. L’acqua è ancora forte e solo alle 14 il fiume ha iniziato a scendere. La situazione è ben peggiore nella valle Bormida e nell’acquese con ponti chiusi e famiglie sfollate.

Giancarlo Perazzi

 

Print Friendly