No dellopposizione allaccordo Trenitalia-Regione che marginalizza Casale

0
409

Casale e il suo territorio rischiano di essere tra le vittime più colpite dal recente accordo tra l’amministratore delegato di Trenitalia Moretti e l’Assessore regionale Bonino. Tale accordo prevede la soppressione di 12 linee ferroviarie piemontesie ben tre direttrici coinvolgono la nostra città: sono le tratte verso Asti;Mortarae soprattutto verso Vercelli.

Il servizio su tali tratte verrà garantito da autobus sostitutivi; formalizzando; di fatto; ciò che avviene; già da mesi con problematicità di servizio lungamente denunciate; a vario titolo dagli utenti.

“La riduzione di collegamenti della nostra città –dichiarano i capigruppo dell’opposizione– non può essere accettato silenziosamente; soprattutto perché tale decisione è avvenuta senza tenere conto delle esigenze della popolazione e senza la minima consultazione degli Enti Locali. Ciò che maggiormente rammarica èIl mancato utilizzo delle risorse; a suo tempo stanziati dalla Giunta regionale Bresso per l’elettrificazione della Casale-Vercelli; che è stato il preludio della cancellazione del servizio ferroviario su quella linea”

Nei prossimi giorni i gruppi dell’opposizione presenteranno un Ordine del Giorno; con l’auspicio di una pronta calendarizzazione nei lavori del Consiglio comunale; per richiedere la revisione alla Regione della decisione di cancellazione delle linee e perché i collegamenti ferroviari di Casale possano essere migliorati. Inoltre si propone all’Amministrazione che data l’urgenza della situazione; si convochi a Palazzo San Giorgio una Conferenza Regionale sui trasporti e sulla logistica; perché una rete di infrastrutture ampia e diffusa; come quella piemontese sia un patrimonio da valorizza e non da disperdere.

Print Friendly, PDF & Email