Libera contro le infiltrazioni mafiose nell’Alessandrino

1
1366

Carlo Piccini #4Operazione Triangolo, Alchemia, Arka di Noè. Questi i nomi delle tre inchieste che, nell’ultimo biennio, hanno lambito la provincia di Alessandria, tirando in ballo la presenza oscura e pericolosa della ‘ndrangheta. Un’infiltrazione accertata in precedenza in sede giudiziale. Secondo le ipotesi degli inquirenti, le mani delle “mafie del nord” si sarebbero allargate nuovamente nel nostro territorio, con ipotesi di reato come traffico illecito di rifiuti, corruzione, intestazione fittizia di beni e società, concussione e turbativa d’asta. Accuse pesanti che hanno coinvolto anche il settore del movimento terra e i cantieri del Terzo Valico.

Carlo Piccini #2Di fronte a ciò, all’impegno delle forze dell’ordine e della magistratura è complementare il lavoro della società civile nel sensibilizzare alla penetrazione della criminalità organizzata. Ne fa la principale ragione d’esistere Libera, come la definisce il suo referente provinciale Carlo Piccini, “un’associazione di associazioni, diverse per vocazione e missione, con gli obiettivi comuni dell’antimafia sociale e della legalità democratica”. Presente nell’Alessandrino dal 2008, il consorzio ha portato avanti nell’anno appena concluso progetti di largo respiro sul contrasto al gioco d’azzardo patologico (“che ci interessa per le conseguenze legate ai fenomeni di sovraindebitamento, usura ed estorsione”). Inoltre, ha potuto finalmente recuperare Cascina Saetta, il primo bene confiscato in provincia.

Ottimi risultati che, però, non esauriscono la missione dei 7 presidi provinciali, per Piccini “motorini d’avviamento delle realtà associative locali, affinché, come diceva Borsellino, l’antimafia la facciano tutti, non solo gli specialisti o gli eroi”. La percezione della presenza mafiosa è aumentata molto, “anche se si partiva dal vuoto pneumatico, non solo a livello sociale, ma anche istituzionale, magistratura compresa”: c’è ancora, però, tanto da fare per rendere la coscienza antimafia una prassi, mentre l’ndrangheta cerca sempre di più “non di corrompere il singolo politico, funzionario o imprenditore ma di entrare essa stessa negli ambienti di potere, è già avvenuto ad Alessandria come ha accertato operazione Alba Chiara”.

Stefano Summa
@Stefano_Summa

Print Friendly, PDF & Email