L’assessore Gioanola di Casale Monferrato scrive in Regione

0
665

L’assessore all’Ambiente Luca Gioanola scrive al collega della Regione Piemonte, Alberto Valmaggia, chiedendo un incontro per discutere alcuni degli argomenti che per la città di Casale Monferrato sono di primaria importanza: amianto, rifiuti e autorità d’ambito e consorzi.

«Un incontro molto importante – ha spiegato l’assessore Gioanola – per un confronto e un aggiornamento su alcune tematiche fondamentali per l’Assessorato all’Ambiente del Comune di Casale Monferrato e per gli oltre quaranta Comuni del Monferrato con i quali condividiamo, in qualità di Comune capofila, servizi e progetti. Si vuole, quindi, andare nel merito del tanto lavoro da fare, in sinergia, su tematiche come la bonifica dall’amianto e la raccolta e della gestione dei rifiuti, con collegato il futuro, a oggi incerto, che avranno le autorità d’ambito e i consorzi».

Sul tavolo, quindi, non mancheranno alcuni dei temi che dovranno essere affrontati già nell’immediato futuro: la discarica amianto, i contributi per la bonifica, la gestione della raccolta rifiuti e le prospettive future nel caso fosse confermata la soppressione delle Autorità d’Ambito e dei consorzi che gestiscono i servizi pubblici integrati.

«Per procedere al meglio, senza disperdere energie, risorse e aspettative – ha sottolineato l’assessore Luca Gioanola -, è necessario avere le idee chiare, progettualità condivise, determinazione».

Tra i temi da discutere anche altri due aspetti che interessano direttamente la città di Casale Monferrato e il territorio: la lotta integrata alle zanzare e le aree Parco: «La lotta alle zanzare – ha concluso l’assessore Gioanola – dovrà assolutamente interessare una vasta area che comprenda anche territori e province limitrofe in un nuovo accordo integrato che porti a risultati concreti e duraturi. È poi anche importante capire quali siano la visione e la progettualità per le aree Parco del nostro territorio, per una programmazione puntuale che porti a una valorizzazione condivisa del ricco patrimonio esistente».

Print Friendly, PDF & Email