La relazione del Comitato Casalbagliano: “Dopo oltre due anni cosa è stato fatto?”

0
829

Il 15 dicembre 2016 presso la Soms di Casalbagliano si tenne un incontro pubblico organizzato dal comitato cittadino, in quell’occasione intervennero tutte le forze politiche di Palazzo Rosso, i consiglieri comunali Erik Barone (PD), Domenico Di Filippo (M5S), Davide Buzzi Langhi (Forza Italia), Emanuele Locci (PDL), Roberto Sarti (Lega Nord), Giovanni Barosini (UDC) e Simone Annaratone (AL Centro), oltre all’ex assessore Gianni Ivaldi e al candidato sindaco Vincenzo Costantino (CambiAmo Alessandria).

Ad inizio serata venne letta una relazione introduttiva redatta dal “Comitato Casalbagliano” che fotografava la situazione in quel momento a Casalbagliano, scritta anche grazie alle segnalazioni raccolte tra i residenti del sobborgo, relazione che poi a fine serata fu sottoscritta da tutte le forze politiche presenti all’incontro e di cui se ne allega copia (allegato 1).

A questo punto una domanda è d’obbligo: “a distanza di oltre due anni cosa è stato fatto a Casalbagliano?”

  • Fogne e allagamenti. Affrontiamo subito il problema principale del sobborgo quello relativo alle fogne ed al problema degli allagamenti. Pochi giorni dopo quell’incontro precisamente il 19 dicembre 2016 il Sindaco Rita Rossa organizza un incontro pubblico presso i locali dell’oratorio della parrocchia per illustrare un progetto di fattibilità che prevedeva la realizzazione di opere idrauliche a difesa del territorio di Casalbagliano. All’incontro erano presenti oltre al sindaco e al vice sindaco Giancarlo Cattaneo, il progettista Ing. Sandro Terruggi, l’Amministratore delegato del Gruppo Amag dott. Mauro Bressan, se ne allega un estratto del progetto con relativi costi (allegato 2). Ad oggi di quel progetto non è stato realizzato nulla anche se con determinazione n°3980 sono stati stanziati 100.000,00 euro per la regimazione idraulica dell’area via Oratorio. A quando le altre tranches di finanziamenti per la conclusione del progetto che vedrà tra l’altro impegnato economicamente anche il Gruppo Amag?
  • Locali ex dopolavoro. L’immobile in questione sito in via Tagliata n.20 censito all’Agenzia delle Entrate della Provincia di Alessandria al Foglio 88 mappali 712,749 e 748 già concesso in Diritto di Superficie all’Associazione CRAL Poste Piemonte 2, a tuttoggi non si conoscono gli ulteriori sviluppi in merito alla messa in sicurezza dell’immobile ed alla sua restituzione. Si allega al presente documento l’ultimo documento ricevuto dal Settore Urbanistica e Patrimonio del Comune di Alessandria in data 05/03/2018 (allegato 3). Quando l’immobile tornerà a disposizione del Comune e quindi della collettività?
  • Copertura Adsl. Nel 2019 il sobborgo non è ancora raggiunto da un servizio accettabile di ADSL, impensabile l’utilizzo dell’attuale ADSL che in fase di download raggiunge la velocità teorica di 640Kb. Intanto tutta la città viene coperta con fibra ottica, quando invece verrà eseguita la copertura anche del sobborgo?
  • Ufficio postale. Dopo la chiusura dell’ufficio postale del sobborgo i clienti sono stati trasferiti all’ufficio postale del Cristo, in seguito sono state intraprese da Poste Italiane nuove scelte aziendali come quella di recuperare la corrispondenza non recapitata presso l’ufficio Postale di Cantalupo che tra l’altro ha un orario ridotto a determinati giorni della settimana. Raggiungere questo sobborgo per chi non è automunito è una vera impresa in quanto bisogna raggiungere prima la città e poi il sobborgo di Cantalupo, con un dispendio economico e di tempo non indifferente.
  • Castello e relativa Piazza. Il castello di Casalbagliano sembra che al catasto sia classificato come “rudere”, viene illuminato tutte le sere nell’attesa del suo completo crollo. Ciò nonostante la sua torre, di sera quando è illuminata, ha un suo fascino con la sua bella merlatura. Crollo che dovrebbe avvenire entro lo spazio delimitato dalla recinzione e non interessare l’area verde sottostante destinata a parco giochi per i bambini. Intanto la vegetazione lo avvolge completamente senza possibilità di nessun intervento degli operatori, vista la pericolosità della struttura. Il sobborgo inoltre risulta forse essere uno dei pochi della città di Alessandria a non avere una piazza. È ormai chiaro a tutti gli abitanti del sobborgo, vedere nascere la “Piazza” vuol dire assistere alla morte del “Castello”, infatti le due entità Castello e Piazza sono legati da un destino comune, la morte per uno vuol dire la nascita per l’altra. Quanti anni ancora dobbiamo aspettare senza intervenire per salvare quello che almeno potrebbe essere salvato?
  • Centro sportivo. L’attuale struttura sportiva risulta essere stata finalmente assegnata anche se in concessione gratuita e temporanea, fino al 31/11/2019, al Centro Universitario Sportivo del Piemonte Orientale (CUS Piemonte) con obblighi di manutenzione e pulizia a carico dell’associazione. Quale sarà il futuro di tale struttura in seguito? È possibile già da ora predisporre un bando di gara per assegnare poi la struttura?
  • Ex scuola elementare. In seguito ai crolli verificatisi nel mese di novembre 2018 l’amministrazione comunale si è attivata per porre in sicurezza l’immobile in questione ed in seguito a tale primo intervento, sono emerse ulteriori criticità alla struttura del tetto del fabbricato che hanno obbligato l’amministrazione ad un ulteriore esborso. A questo punto una domanda è lecita:” quali sono le sorti di questo immobile di un certo valore storico, che potrebbe essere il punto di riferimento per gli abitanti del sobborgo anche per fini ricreativi culturali e sociali?”
  • Seggio elettorale. Gli abitanti di Casalbagliano sono gli unici abitanti del comune di Alessandria che votano negli spogliatoi di un campo di calcio. Spogliatoi che per essere raggiunti obbligano gli elettori a percorrere una strada sterrata che alle ultime elezioni si era trasformata in acquitrino come ben documentato dalla stampa locale. Quando verrà individuata una sede idonea?
  • Potatura alberi parco bimbi. La siepe che delimita l’area destinata al parco giochi bimbi (in via Oratorio) necessita di un intervento di potatura più volte richiesta ma mai attuata, argomentando che la richiesta è stata formulata sempre nel periodo non adatto alla potatura degli alberi.
  • Illuminazione via F. T. Marinetti. Il completamento dell’illuminazione di via F.T. Marinetti ad oggi non ha visto il suo completamento nonostante la riscossione della fidejussione ben tre anni fà e nonostante il complesso residenziale sia abitato da oltre 12 anni. Ciò nonostante va registrato che con determinazione n°3869 sono stati stanziati 31.437,00 euro per la sostituzione, manutenzione e il potenziamento dell’illuminazione pubblica. A quando l’inizio dei lavori?
  • Mobilità da e per la città. Le corse svolte dalla società Arfea, che collegano Casalbagliano con la città risultano minime, si potrebbe integrare il collegamento Casalbagliano Alessandria qualche corsa in più portando la linea 3 che staziona al capolinea di via Casalbagliano (altezza distributore Tamoil) sino alla Piazza del Castello di Casalbagliano.
  • Argine fiume Tanaro. L’utilizzo dell’argine come pista ciclabile, per collegare il sobborgo alla città è un argomento che è stato segnalato al Sindaco di Alessandria, all’AIPO e in ultimo ma non meno importante, in occasione della settimana della mobilità 2018, al Ministro Sergio Costa. Si allega segnalazione inoltrata al Ministro e la risposta da parte del Responsabile AIPO (allegato n 4 e n. 5). Quindi, perché non collegare anche questo sobborgo alla città e nello stesso tempo dare agli abitanti della città la possibilità di avere un percorso per una gita fuori porta in piena sicurezza?
  • Zona San Pietro e via Vecchia de Bagliani. In queste zone è completamente assente una rete fognaria e una rete di Amag gas.

Questa è la nuova “fotografia” del sobborgo che a distanza di più di due anni da quel 15 dicembre 2016, mette in evidenza ancora quanto impegno e risorse occorrano per sanare tutte le criticità sopra esposte.

Print Friendly, PDF & Email