Diritto al cibo per 60.000 in Burkina Faso

0
957

La Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria è partner di un importante progetto di cooperazione internazionale FONDAZIONI FOR AFRICA BURKINA FASO, iniziativa promossa con altre 24 fondazioni di origine bancaria aderenti all’ACRI (Associazione Casse Risparmio Italiane).  L’obiettivo è quello di garantire il diritto al cibo a 60.000 persone delle aree rurali del Burkina Faso e costruire un percorso comune e condiviso per il futuro di uno dei Paesi più poveri al mondo che si pone al 183° posto su 187, secondo i dati del Rapporto Nazioni Unite sull’Indice di Sviluppo Umano. Con una dotazione complessiva di 4,57 milioni di euro in tre anni, FONDAZIONI FOR AFRICA BURKINA FASO, avviata nel gennaio 2014, è in corso di realizzazione in 7 regioni rurali del Paese, in stretta collaborazione con organizzazioni attive sul territorio italiano e in Burkina Faso, ACRA-CCS, CISV, LVIA, MANI TESE, Fondazione Slow Food per la Biodiversità e CeSPI, e il coinvolgimento di numerosi partner locali.  Il progetto si propone di rimuovere le cause che impediscono l’accesso della popolazione a una nutrizione adeguata e promuovere iniziative capaci di dare vita a uno sviluppo sostenibile. Le leve: il sostegno all’agricoltura familiare, la microfinanza, la formazione, l’educazione alimentare, il ruolo delle donne. Gli interventi messi in campo sono il miglioramento della produttività e della qualità dei prodotti alla base dell’alimentazione locale, il rafforzamento di 350 organizzazioni contadine, l’impulso allo start up di attività agricole e di iniziative imprenditoriali attraverso l’introduzione di strumenti di microfinanza adeguati, la strutturazione di un sistema di commercializzazione per i prodotti agricoli e i loro derivati sul mercato locale, la diffusione di un’educazione alimentare adeguata e del valore della biodiversità, la promozione dell’autonomia delle donne. “La partecipazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria a questo progetto – precisa il Presidente Pier Angelo Taverna rientra in una strategia di cooperazione internazionale che l’ACRI ha messo in atto come forma di solidarietà nei confronti dei più “deboli”, anche oltre i confini dell’Italia. Abbiamo ritenuto di aderire all’iniziativa consapevoli dell’impegno morale che le fondazioni di origine bancaria hanno nei confronti del territorio di riferimento, ma anche delle emergenze umanitarie a livello nazionale ed internazionale e, a questo proposito, ricordo l’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria a favore dell’ospedale pediatrico di Sokponta in Benin, realizzato dall’Associazione L’abbraccio di Fubine”.
INFO:  www.fondazioniforafrica.org

Print Friendly, PDF & Email