“Comuni Rinnovabili 2016”: il buon esempio dell’Alessandrino celebrato da Legambiente

0
2651

comuni-rinnovabili-legambiente-2Il rapporto “Comuni Rinnovabili 2016”, stilato come ogni anno da Legambiente, consegna dati incoraggianti per la sostenibilità energetica del Piemonte e, in particolare, della provincia di Alessandria. In una regione che ricava il 54% del proprio contributo elettrico dalle fonti rinnovabili, l’Alessandrino si fa ben rappresentare da diversi suoi comuni, elogiati in diversi passaggi del rapporto dell’associazione ambientalista. Per esempio, Castelnuovo Scrivia è, insieme a Morgex e La Thuile, uno dei centri in grado di soddisfare i propri fabbisogni con un impianto a biomasse, mentre tra le realtà più grandi che si segnalano per l’utilizzo del solare fotovoltaico spiccano Tortona e Alessandria. A Pasturana sono presenti ben 1000 metri quadrati di pannelli solari per un totale di 1312 abitanti, in pratica 762 mq per cittadino. Per quanto concerne l’energia generata da un impianto a biogas, alle spalle di Torino si pone Casalcermelli, in grado di produrre la bellezza di 12,2 megawatt, mentre Alessandria si deve “accontentare” del quarto posto con 6.8 MW.
comuni-rinnovabili-legambiente-3Anche nella sezione dedicata a celebrare le “buone pratiche”, Legambiente ha ritenuto opportuno celebrare l’impegno di alcuni comuni dell’Alessandrino. Serravalle Scrivia è uno dei luoghi piemontesi “servito da energia prodotta al 100% da fonti rinnovabili”, il tutto grazie alla realizzazione di un impianto solare fotovoltaico, e dove la sensibilità verso la sostenibilità è preservata dall’inedita figura del “referente comunale per l’energia”. C’è spazio anche per fare i complimenti a Novi Ligure, che aspira a diventare una mecca per il solare fotovoltaico: sono stati approvati, infatti, 20 impianti da installare sugli edifici comunali, tra cui 10 scuole, ai quali se ne aggiungeranno altri in futuro. Il tutto è finalizzato a garantire la piena autosufficienza energetica ed evitare l’immissione in atmosfera di circa 1150 tonnellate di CO2. Il centro novese si fa apprezzare anche per l’implementazione dell’illuminazione a LED nelle strade cittadine.

Stefano Summa
@Stefano_Summa

Print Friendly, PDF & Email