Coldiretti: “1 prodotto su 4 acquistato in saldo, soprattutto quelli simbolo della dieta mediterranea”

0
256

Nei campi infatti è deflazione profonda con gli agricoltori che si vedono oggi pagare la frutta pochi centesimi, circa il 30% in meno rispetto allo scorso anno e al di sotto dei costi di produzione.

Per ottimizzare la spesa, ottenere il miglior rapporto prezzi-qualità e aiutare il proprio territorio e l’occupazione in questo momento di difficoltà, il consiglio è quello di verificare l’origine nazionale e acquistare prodotti locali che non devono subire grandi spostamenti, comprandoli direttamente dagli agricoltori nei mercati o in fattoria.

“Per potersi permettere un caffè gli agricoltori devono vendere tre chili di frutta sulla quale pesano quest’anno i drammatici attacchi della cimice asiatica che non ha risparmiato la provincia di Alessandria dove, in alcune aree, si registrano danni ingenti. – ha affermato il Presidente Coldiretti Alessandria Mauro Bianco – Gli italiani sempre più spesso vanno a caccia dei prezzi più bassi, anche facendo lo slalom nel punto vendita, cambiando negozio, supermercato o discount, ma anche sperimentando canali alternativi come gli acquisti di gruppo, quelli on line o dal contadino. Il dato la dice lunga: un prodotto alimentare su quattro viene acquistato in promozione con l’obiettivo di cercare il risparmio e ridurre i costi del carrello della spesa, con effetti evidenti sul contenimento dell’inflazione”.

Tra i prodotti alimentari venduti in offerta più frequentemente ci sono quelli simbolo della dieta mediterranea che non possono mancare sulla tavola e hanno quindi un effetto calamita sui clienti: dall’olio di oliva alla pasta, dalle conserve di pomodoro al vino fino alla frutta.

Un onere che spesso ricade sui fornitori per effetto delle distorsioni e delle speculazioni che si verificano lungo la filiera a causa degli evidenti squilibri di potere contrattuale.

“Serve intensificare l’attività di controllo e vigilanza anche per evitare che vengano spacciati come nazionali prodotti importati ma è anche necessario al più presto il recepimento della direttiva europea 2019/633 in materia di pratiche commerciali sleali del 17 aprile 2019 per ristabilire le condizioni contrattuali più eque lungo la catena di distribuzione degli alimenti, con l’introduzione di elementi sanzionatori certi rispetto a prassi che finora hanno pesantemente penalizzato i produttori” ha aggiunto il Direttore Coldiretti Alessandria Roberto Rampazzo.

Print Friendly, PDF & Email