Chiuso dal Questore il “Bar Mao” per motivi di ordine pubblico e sicurezza dei cittadini

0
564

Nella mattinata odierna, I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Alessandria hanno notificato al titolare del “Bar Mao” di Spalto Borgoglio ad Alessandria la chiusura del locale per sette giorni come disposto dal Questore di Alessandria ai sensi dell’art. 100 del Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza. Il provvedimento è conseguenza della proposta avanzata al Questore dalla Compagnia Carabinieri di Alessandria i cui militari, nella mattina del 17 marzo, sono dovuti intervenire in forze per una rissa scoppiata all’interno del locale che ha portato all’arresto di cinque cittadini albanesi. Quella mattina, due avventori si trovavano seduti a un tavolo in attesa di essere serviti quando giungevano nel locale altri tre uomini che si scagliavano contro di loro, scatenando una rissa durante la quale venivano usati sedie, tavoli e bicchieri come armi improprie e veniva anche danneggiata una vetrata del locale. Riportato l’ordine, i militari procedevano all’arresto dei cinque, tre dei quali venivano accompagnati al pronto soccorso cittadino per curare le ferite riportate nella zuffa. Già in passato le gazzelle dell’Aliquota Radiomobile dei Carabinieri avevano avuto modo di identificare nel locale diversi pregiudicati, due dei quali erano stati anche denunciati per resistenza a pubblico ufficiale perché avevano tentato di eludere un controllo cercando di scappare ai militari dopo averli spintonati e strattonati. Il Questore di Alessandria, vista la proposta dei Carabinieri, inoltrata alla Divisione Polizia Amministrativa Sociale e dell’Immigrazione (PASI) della locale Questura, valutato che l’ultimo fatto era particolarmente grave per la violenza con cui si è svolto, tale da mettere in serio pericolo l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini, lesivo, quindi, del quieto vivere civile, e che nel locale in più circostanze erano stati identificati dei pregiudicati, decretava la chiusura del bar per sette giorni con la conseguente sospensione delle licenza.

Print Friendly, PDF & Email