Casale, un progetto per sostenere le famiglie più fragili

0
696

Nella Sala Consiliare del Palazzo Municipale, si è tenuto l’incontro che ha ufficializzato la costituzione del Laboratorio Territoriale composto da tutti gli enti che, a vario titolo, si occupano di educazione e supporto alla genitorialità fragile: servizio socio-assistenziale, servizi sanitari, scuole, comuni, associazioni del volontariato e terzo settore.

L’incontro si è inserito all’interno del Progetto PIPPI, proposto dal Ministero delle Politiche sociali, in collaborazione con l’Università di Padova, al quale il servizio socio assistenziale ASL AL partecipa da quattro anni.

Vi hanno preso parte l’assessore Ornella Caprioglio, il direttore del Servizio Socio Assistenziale del Distretto di Casale Monferrato e Valenza Annamaria Avonto, gli operatori del servizio coinvolti nella sperimentazione nazionale (responsabile dottoressa Imarisio), il direttore del distretto di Casale Monferrato Massimo D’Angelo, tutti i referenti dei servizi sanitari ASL AL coinvolti, i dirigenti scolastici, amministratori locali, il rappresentante del centro per le famiglie, i rappresentanti dell’associazionismo e gli educatori professionali della cooperativa che opera in convenzione con l’ASL per il servizio di educativa territoriale con i loro referenti.

Alla sperimentazione, finalizzata all’aiuto socio educativo delle famiglie vulnerabili, hanno preso parte venti ambiti italiani, solamente due in Piemonte. Giunti ormai ad una fase di sperimentazione avanzata, grazie all’intervento dei ricercatori del gruppo scientifico di Padova (dottor Marco Tuggia e dottor Andrea Pretella) presenti in città anche domani, si è costituito formalmente un nucleo operativo locale.

Il primo obiettivo, proposto dal servizio socio assistenziale, è un percorso di formazione rivolto a tutti gli istituti comprensivi della zona, circa sessanta insegnanti delle scuole di infanzia e primaria, che si svolgerà nel mese di aprile, finalizzato all’apprendimento di strumenti predisposti dagli operatori del progetto PIPPI per entrare nel “Mondo del bambino” e costruire insieme nuovi percorsi di sostegno alla genitorialità positiva.

 

Print Friendly, PDF & Email