Terzo Valico: spunta anche l’amianto

0
531

L’estate del Terzo Valico dei Giovi è stata stravolta da una scoperta avvenuta sul versante ligure, che ha fatto discutere anche quello piemontese.
Alla fine di luglio, infatti, il Cociv ha accertato la presenza di amianto nella finestra di Cravasco, cantiere nel comune di Campomorone, appartenente alla città metropolitana di Genova. Il general contractor ha disposto la sospensione dei lavori all’interno della galleria per mettere in sicurezza l’area ma non ha certamente fermato le polemiche. I comitati del movimento No Terzo Valico hanno rivendicato il fatto di aver denunciato a lungo la presenza del minerale nei cantieri della grande opera e, nel corso di una manifestazione, hanno bloccato il transito dei camion nell’area. Anche il SIAP (Sindacato Italiano Appartenenti Polizia) ha fatto sentire la propria voce, chiedendo “garanzia e rassicurazioni” sulla sicurezza degli agenti impiegati nel cantiere.
L’eco della vicenda ligure s’è fatta sentire anche in Piemonte, in particolare nella nostra provincia. A preoccupare è l’effettiva capacità da parte dell’Arpa di effettuare i dovuti controlli nelle cave dell’Alessandrino deputate a ospitare lo smarino della grande opera (Cava Bolla, Cava Guarasca 1 e 2 e Cava Clara e Buona). A inizio giugno, Rita Rossa aveva sollecitato la Regione a fornire assicurazioni sul fatto che “i rispettivi organi tecnici dichiarino inequivocabilmente se sono o meno in grado di assicurare i controlli utili e necessari per eliminare definitivamente ogni rischio per la salute e l’ambiente”, minacciando di togliere il beneplacito all’utilizzo delle cave. La richiesta appare legittima alla luce di quanto affermato da Alberto Maffiotti, dirigente responsabile del Piemonte Sud Est per l’Arpa, il quale ha denunciato l’assenza di mezzi necessari per controlli accurati nelle cave succitate (per esempio, un’imbarcazione modificata per sondare il lago artificiale di Cava Clara e Buona) e di una convezione per le verifiche dello smarino destinato alle stesse.

 

Stefano Summa

Print Friendly, PDF & Email