Preparativi e fermenti per la Provincia

0
628

In pole-position il primo cittadino di Alessandria, Rita Rossa, che deve fare i conti con chi osteggia il doppio incarico

Ad ottobre le elezioni del nuovo Consiglio Provinciale. I cittadini però non votano. In corsa anche i sindaci di Novi e Tortona

Ad un mese di distanza dalle consultazioni per eleggere il nuovo consiglio provinciale alessandrino, è ancora difficile indicare chi sarà il sostituto dell’attuale presidente Paolo Filippi. Le elezioni, fissate in data 12 ottobre, non saranno più espressione diretta dalla volontà popolare ma, come stabilito dal decreto Del Rio che ha riformato le istituzioni locali, saranno il risultato delle consultazioni alle quali potranno partecipare i consiglieri eletti in un Comune della nostra provincia. Le preferenze dei votanti avranno un diverso valore a seconda del Comune di appartenenza, i consiglieri che esercitano le loro funzioni in un centro zona risulteranno infatti più decisivi nella scelta del vincitore rispetto ai colleghi che operano in un piccolo Comune. Quasi sicuramente si assisterà alla vittoria di un candidato di centrosinistra, schieramento politico che conta il maggior numero di sindaci attualmente in carica. Tra i candidati più forti troviamo il primo cittadino di Alessandria Rita Rossa, persona molto vicina a Filippi,la quale però deve fare i conti con quella parte del Pd poco convinta nel vederle assegnati due ruoli così importanti. Ecco allora che potrebbe approfittarne il sindaco di Novi Ligure Rocchino Muliere, che all’interno dello stesso partito ha un importante numero di sostenitori, alla stregua del sindaco di Tortona Gianluca Bardone. È comunque altrettanto probabile che candidati outsider possano ‘soffiare’ la poltrona ai nomi più accreditati. Il centrodestra non vuole comunque lasciare nulla di intentato, presentando una propria lista all’interno della quale si propongono tra tutti i forzisti Aldo Visca, sindaco di Cerrina, e Luca Rossi. Assente il Movimento 5 Stelle che, essendo favorevole all’eliminazione delle Province, ha deciso, ad Alessandria come in tutta Italia, di non prendere parte a questa sfida elettorale. Si tengono fuori dai giochi anche i rappresentanti di Sel, i quali, tramite un comunicato stampa recentemente divulgato, hanno auspicato il ritorno al voto popolare.

Marcello Rossi

Print Friendly, PDF & Email