L’appello del Fai a tutti i cittadini

0
339

È questo l’appello rivolto dalla dott.ssa Ileana Gatti Spriano, Capo Delegazione e Presidente della Delegazione FAI di Alessandria, affinché tutti gli alessandrini si uniscano perché la Cittadella possa raggiungere il primo posto nella graduatoria, come era già successo nel 2012.
“Due anni fa abbiamo vinto grazie a 54000 firme – ora la Cittadella è anche nella classifica di Europa Nostra -, ma adesso ne occorrono ancora di più per far conoscere ulteriormente la nostra città: noi proponiamo il Museo di Borsalino, con tutta la sua storia (che magari i più giovani non conoscono bene, ma che ha rappresentato il cuore e la vita del nostro territorio) e il Museo e la pianura di Marengo. Intanto, siamo vicini a firmare la famosa convenzione – ormai le bozze sono approvate – che consentirà di tagliare l’ailanto (una pianta che purtroppo rovina la struttura della Cittadella): grazie alla sovrintendenza, al Demanio e al FAI che finanzia, metteremo in pratica quella che è stata la promessa fatta agli alessandrini 2 anni fa, chiedendo le firme per i ‘Luoghi del Cuore’. Grazie a loro, siamo riusciti a puntare un grande riflettore sulla Cittadella (è sotto bando, il Comune riesce a fare molte cose in più, ecc.) e ora c’è un’occasione unica per dare ancora più continuità a questo progetto”.
Anche il Sindaco Rita Rossa, nel corso del recente sopralluogo al cantiere sul Tanaro per la costruzione del ponte Meier, ha voluto ribadire il suo pieno appoggio: “Il compimento di questo grande progetto di valorizzazione della Cittadella, come luogo di incontro e di attrazione per tanti turisti, anche in vista dell’Expo 2015, sarà accompagnato dalla realizzazione del Ponte Meier: è una grande occasione per riunire due parti importanti della città e valorizzare ancor meglio una struttura come la Cittadella, unica in Europa. Il FAI è impegnato anche nella valorizzazione e nel rilancio del Marengo Museum, che ho avuto modo di seguire e riallestire quando ero Vice Presidente della Provincia: ci sono quindi tanti ingredienti per offrire un buon menù di offerta culturale, turistica e di rilancio della città”.

Gianmaria Zanier

Print Friendly, PDF & Email