Il parassita dalla Macedonia che uccide gli ippocastani

0
737

È un lepidottero minatore fogliare della famiglia Gracillariidae. Proviene dalla Macedonia, ma è comparso in Italia all’inizio degli anni novanta. Conosciuto anche come Cameraria Ohridella è il parassita che infesta gli ippocastani di Novi Ligure. Il Comune ha così affidato all’azienda torinese Studio Verde la verifica dello stato delle piante. L’azienda specializzata nelle malattie delle piante, dopo i risultati ottenuti dalle loro verifiche, hanno deciso di abbattere entro la primavera trenta piante. La gravità della situazione ha portato così a programmare un piano di abbattimento che coinvolgerà diverse zone cittadine. Alcuni alberi tuttavia sono già stati tagliati in quanto rappresentavano una minaccia alla pubblica sicurezza. Alcune zone della città dove sono presenti alberi a rischio caduta sono stati transennati. Per diverso tempo i cittadini hanno sperato che questi alberi potessero essere salvati con dei trattamenti particolari che li riportassero in salute ma ad oggi sembra un’ipotesi da escludere.
L’analisi sulla stabilità degli alberi è costata circa 5 mila euro. L’abbattimento di ogni albero costerà invece circa 150 euro per ogni singola pianta. Per chi avesse ippocastani nel proprio giardino sappia che ci sono diversi interventi di difesa per l’infestazione della cameraria come distruggere le foglie cadute prima della fine dell’inverno. Utilizzare preparati chimici per irrorare la chioma dell’albero dopo la fioritura e in casi eccezionali effettuare delle iniezioni al tronco. Prima di eseguire una di questa azioni è comunque sempre bene sentire uno specialista per farci suggerire la giusta via da percorrere.

Alice Porotto

Print Friendly, PDF & Email