Crisi: speriamo non nevichi

0
728

Dicembre, arriva il freddo e si comincia a parlare di neve. Bella, affascinante, amata dai più piccoli e non solo, ma anche portatrice di disagi e pericoli per tutti i cittadini. Lo sgombero della neve è argomento di polemica ogni volta che qualche fiocco cade dal cielo. Purtroppo la crisi si sente dappertutto e comuni e province sono costretti a tagliare i costi su tutti i fronti.
Il comune di Novi Ligure dovrebbe agire come lo scorso anno, mettendo in azione gli spartineve non appena ve ne sarà necessità. Speriamo che non vengano tralasciate le strade pedonali come talvolta è successo in passato, e che attenzione venga riservata a passaggi particolari, come per esempio le scalette utilizzate la mattina dai pendolari per recarsi in stazione. Ma il comune è responsabile solo per i tratti di strada ad esso competenti, appena ci si reca su strade provinciali e si oltrepassano i confini cittadini la responsabilità è della provincia. Su questo fronte le dichiarazioni della Provincia preoccupano, infatti è previsto l’utilizzo di mezzi spazzaneve solo al raggiungimento di soglie critiche, a seconda della fascia d’importanza delle strade: rispettivamente di 8, e 10 cm sulle strade più importanti, mentre le strade meno trafficate saranno pulite al raggiungimento dei 15cm di neve, e comunque solo dopo che saranno state spazzate le altre strade. Di certo non sono dichiarazioni troppo rassicuranti per chi abita nei piccoli paesi al di fuori delle tratte principali. A compensazione della soglia d’intervento fissata ad un’altezza neve superiore sarà potenziato l’utilizzo di mezzi spargi sale.

Alice Porotto

Print Friendly, PDF & Email