A Forte Acqui l’apiario urbano e solidale

0
618

Combinare l’accoglienza e la formazione professionale, regalando al contempo qualcosa d’innovativo alla città, non è un obiettivo facile da conseguire. Eppure, APS Cambalache, supportata dalla Fondazione SociAL e da altri 13 partner, pubblici e privati, c’é riuscita grazie al progetto “Bee My Job” e all’apertura dell’apiario urbano al Forte Acqui di Alessandria.
Avviato da quasi un anno, “Bee My Project” é stato un lungo percorso di professionalizzazione nel settore apistico rivolto ai richiedenti asilo accolti dall’associazione, in collaborazione con Aspromiele (Associazione Produttori di Miele Piemonte). Il frutto di ben ottanta ore di lezione, suddivise tra otto incontri teorici e cinque pratici, é stata la formazione di diciotto nuovi apicoltori e l’inserimento di quattro persone in aziende apistiche. La proverbiale ciliegina sulla torta é stata l’inaugurazione dell’apiario urbano al Forte Acqui, avvenuta il primo ottobre. Nelle intenzioni dei suoi artefici, l’apiario vorrebbe essere un luogo dove si “allevano” il rispetto per la natura e il rispetto per le persone, oltre che un punto di riferimento per la promozione della cultura apistica. Grazie all’apiario in città, Alessandria s’inserisce nel solco di una nuova tendenza agricola che vanta esempi nelle città di Tokyo e New York.

Stefano Summa

@Stefano_Summa

Print Friendly, PDF & Email