ANMIC Alessandria: “Reddito di cittadinanza beffa, non migliora la condizione dei disabili”

0
891

La Presidente provinciale degli invalidi civili (ANMIC) di Alessandria, Maria Luisa Cotroneo, si attendeva che dopo mesi di ripetute promesse sul nuovo reddito di cittadinanza, giunti alla fase operativa, fosse decente che tale provvedimento avrebbe dovuto “automaticamente” innalzare tutte le misere pensioni di invalidità, ancora ferme a 285 euro al mese. Invece oggi “prevale fra i disabili – rimarca la Cotroneo – delusione e sconcerto.”

Ci aveva pensato già qualche ora fa il Presidente nazionale Nazaro Pagano ad evidenziare le ragioni di tale insoddisfazione: “Il testo sul reddito di cittadinanza finalmente presentato ieri sera dal Governo delude le legittime aspettative di migliaia di cittadini con disabilità che in concreto si vedranno esclusi, nella stragrande maggioranza dei casi, da ogni beneficio collegato all’introduzione del reddito di cittadinanza. In questa nuova guerra fra poveri innescata da tale misura il mondo della disabilità viene anzi danneggiato. Sarebbe stato più semplice ed equo garantire a tutti un semplice aumento seppur minimo dell’importo, compatibile con la copertura finanziaria disponibile, mantenendo così fede alle promesse elettorali. Consapevoli delle difficoltà di bilancio – aggiunge Pagano – noi della Anmic avevamo nei giorni scorsi anche fatto pervenire al Governo una serie di richieste concrete per migliorare il testo della bozza di decreto.”

In particolare, la ANMIC aveva chiesto l’eliminazione dal concetto di reddito familiare delle prestazioni economiche (assegno mensile e pensione di inabilità 100%) in godimento degli invalidi civili che rendono maggiormente disagiata la posizione delle famiglie che hanno al loro interno una persona disabile. Basti pensare che la presenza in un nucleo familiare di due soggetti disabili beneficiari di trattamenti economici (285 euro al mese) comporta automaticamente l’esclusione della famiglia all’accesso al reddito di cittadinanza.

Era poi stata prospettata la possibilità di considerare i soggetti disabili, percettori di prestazioni assistenziali, di essere considerati nucleo autonomo rispetto alla famiglia anagrafica, con la previsione della integrazione di assegni e pensioni 100% fino a raggiungere le soglie previste per il reddito di cittadinanza. Infine, era stata indicata l’opportunità per i disabili maggiorenni, non obbligati alla stipula dei patti per il lavoro, di essere inseriti a domanda in un apposito elenco dal quale essere chiamati per l’avvio al lavoro secondo le modalità della legge 68/99.

“Il provvedimento di legge appena approvato non ha invece tenuto conto degli emendamenti proposti, ma l’ANMIC – dichiara il Presidente nazionale Pagano – è da oggi già mobilitata per avviare una battaglia sui diritti dei disabili in sede parlamentare, chiedendo ascolto a tutte le forze politiche che su questi temi sapranno dimostrare maggiore sensibilità. Siamo comunque pronti anche ad organizzare una mobilitazione nelle piazze, qualora i disabili fossero ancora dimenticati. Speriamo che in tal caso anche la Fand, Federazione alla quale ci onoriamo di appartenere, e anche la Fish, con la quale collaboriamo nel comune interesse delle persone con disabilità, ci seguano in questa iniziativa.”

Sede provinciale ANMIC
Via Tripoli 17 – 15121 Alessandria – tel. 0131 260459 Per comunicazioni: piercarlo.fabbio@libero.it

Print Friendly, PDF & Email