300.000 euro stanziati per il pagamento degli stipendi Amiu

0
231

La giunta comunale ha approvato oggi la delibera straordinaria n.149 incui si prende atto che le tutte le soluzioni finora prospettate per l’erogazione degli stipendi dell’AMIU non hanno trovato legittimità procedurale.

In considerazione della necessità di garantire l’attribuzione degli emolumenti agli operatori AMIU; si dà; quindi; mandato alla tesoreria di provvedere al pagamento di 300.000 euro come anticipo sulle fatture che verranno emesse in carico al Comune.

Contestualmente; copia della deliberazione verrà trasmessa alla Procura della Corte dei Conti perché valuti le responsabilità degli atti che hanno portato al determinarsi dell’incresciosa vicenda.

Il 18 maggio 2011la società AMIUS.p.A. ha ceduto tutti i propri crediti presenti e futuri vantati nei confronti del Comune di Alessandria alla Barclays Bank PLC di Londra; fino alla somma di 17 milioni di euro: la cessione era stata era stata autorizzata con la deliberazione n. 103 dello stesso 18 maggio 2011.

Il 12 gennaio scorso – si legge nella delibera – l’allora direttore della direzione Economico Finanziaria;Paolo Ansaldi; aveva impegnato la somma di un milione di euro “per consentire alla società AMIU S.p.A di fronteggiare gli oneri della gestione”; a titolo di anticipazione finanziaria.

Il 9 febbraiola Banca Barclays BankPLC di Londra ha comunicato autorizzazione a regolare direttamente; a favore dell’AMIU; ventiquattro fatture dell’ultimo trimestre dell’anno 2011; ma tali fatture sono state successivamente considerate debiti fuori bilancio dall’allora Giunta Comunale con deliberazione proposta al consiglio Comunale il 20 aprile.

Il contratto di cessione e l’iter amministrativo in corso sui debiti fuori bilancio non consentono; pertanto; alla Direzione Economico finanziaria di effettuare pagamenti su fatture AMIU direttamente all’Azienda; ma impegnano la città nei confronti dell’istituto bancario.

L’AMIU S.p.A.; in una nota del 25 maggio ha comunicato all’Amministrazione di versare in una situazione di crisi di liquidità da no permettere il pagamento degli stipendi del mese di maggio 2012 e dei relativi oneri contributivi.

Il 29 maggio scorso la Banca di Legnano S.P.A. (Tesoreria comunale) ha informalmente comunicato al Sindaco; Rita Rossa; di aver messo sia l’AMIU che il Comune di Alessandria alla Procedura di “incaglio” bancario (rapporto di temporanea difficoltà per il rientro di pagamento delle rate di un finanziamento); tale decisione comporta l’impossibilità di aumentare il debito.

Nel verbale del 30 maggio scorso dell’incontro tra Prefetto; Sindaco e i Presidenti delle Società ATM e AMIU si mette in evidenza: “l’impegno del sindaco ad attivare; con immediatezza; tutte le procedure volte a consentire il trasferimento alle Aziende delle risorse necessarie per la liquidazione delle partite stipendiali. A tal riguardo viene tuttavia evidenziata la necessità che i Presidenti di entrambe le Società assumano a loro volta formale impegno affinché:

  • Gli emolumenti trasferiti dall’Amministrazione siano destinati esclusivamente al pagamento dei debiti di lavoro nei confronti dei dipendenti;
  • Venga elaborato un piano di rateizzazione; da concordare con gli istituti previdenziali; per il pagamento degli oneri contributivi ed assicurativi pregressi”.

Il trasferimento di fondi deciso con la deliberazione odierna è un’anticipazione finanziaria a breve termine da restituire entro e non oltre il 31 dicembre prossimo.

Print Friendly, PDF & Email